Siamo felici di aver sollevato la questione del selfie di Francesco Totti e della pubblicità occulta allo smartphone, anche se la nostra protesta ha fatto infuriare molti fans del calciatore. Lo afferma oggi il Codacons, intervenendo in merito alla denuncia per la pubblicità occulta fatta da Totti ad un noto marchio di telefonini e la reazione di una parte dei tifosi.

Siamo convinti che Totti sia un grande calciatore, un vero campione nel calcio e nella vita – spiega l’associazione – proprio per questo il suo gesto appare ancor più grave, perché mostrare in quel modo un marchio commerciale rappresenta una mancanza di rispetto verso il pubblico e verso la sua squadra; anche in assenza di dolo o intenzione il gesto è contro la legge perché la pubblicità occulta è vietata indipendentemente da compensi o dolo.

Con la nostra provocatoria richiesta di squalifica volevamo sollevare un problema, e ci siamo riusciti; speriamo di aver anche sensibilizzato i calciatori affinché in futuro si presti più attenzione a questi aspetti e si evitino simili forme di pubblicità.