Firenze, 15 Aprile 2014. Con la deliberazione del 3 aprile scorso l’Autorita’ per l’energia elettrica e il Gas (AEEG – che si occupa anche di acqua) ha concluso il procedimento volto alla “restituzione agli utenti finali della componente tariffaria del servizio idrico integrato relativa alla remunerazione del capitale, abrogata in esito al referendum popolare del 12 e 13 giugno 2011 per il periodo 21 luglio 2011 – 31 dicembre 2011″ (1).
Con un provvedimento dello scorso dicembre l’Autorità aveva ordinato ai gestori, che avevano fornito il calcolo della quota da restituire e che avevano superato positivamente le verifiche, di restituire parte della tariffa cosiddetta di “remunerazione del capitale investito”, addebitata nelle bollette fino a tutto il 2011; per tutti gli altri si prevedeva una procedura di sostituzione: i rimborsi sarebbero partiti comunque, calcolati dall’Autorita’ con metodo piu’ a favore dell’utente (2).
Ora, il documento del 3 aprile integra l’elenco dei gestori “adempienti” e contiene una quantificazione della quota da restituire per i gestori che non l’avevano individuata (o non avendo adempiuto alle richieste di chiarimento loro inviate dall’Autorità o avendo questi esposto alcuni dubbi circa le modalità di individuazione degli importi o essendo rimasti del tutto inadempienti alla richiesta di fornire il calcolo dell’ammontare della quota da restituire); l’Autorità ha infatti esercitato il potere sostituivo ex art. 3, comma 1, del DPCM 20 luglio 2012.
Il provvedimento, come quello di dicembre 2013, contiene l’ordine di provvedere alla restituzione entro la prima bolletta utile, nonchè di trasmettere all’Autorità, entro i successivi 30 giorni, apposita comunicazione in ordine all’avvenuta restituzione.
Ogni consumatore può ovviamente monitorare la restituzione osservando la bolletta.
Data la gran quantità di condominii con utenza idrica unica, il monitoraggio potrà essere fatto in prima battuta dall’amministratore.
Certo, si tratterà di pochi spiccioli, ma di pochi spiccioli dovuti per legge.
In assenza di restituzione si potrà segnalare la circostanza all’AEEG e, se ritenuto, procedere in via giudiziale.

(1) Delibera AEEG 163/2014/R/IDR:  http://www.autorita.energia.it/it/docs/14/163-14.htm
(2) http://www.aduc.it/comunicato/bolletta+acqua+arrivano+rimborsi+previsti_21829.php

Valentina Papanice, legale del foro di Lecce, consulente Aduc