A forza di proroghe, i pagamenti di giugno sono stati tutti concentrati nella stessa data: lunedì 16 giugno.
Ma che cosa bisognerà pagare? Le scadenze riguardano l’IMU, la TASI e la cedolare secca.

IMU
16 giugno: scade la prima rata dell’Imu (imposta municipale unica sugli immobili che non sono abitazione principale) sulle seconde case. Si ricorda che l’IMU è un’imposta comunale.
TASI
16 giugno: scade la prima rata della Tasi (tassa sui servizi indivisibili) che insieme alla Tari ha sostituito l’IMU sulle prime case. La prima rata della Tasi viene pagata il 16 giugno solo su quelle case che sono abitazioni principali ubicate in quei Comuni che hanno già deciso l’aliquota da applicare. La Tasi viene pagata anche dagli inquilini.

CEDOLARE SECCA
16 giugno: coloro ce hanno scelto la cedolare secca, cioè la tassazione agevolata dei redditi di locazione, pagano il saldo 2013 e un acconto dell’imposta, il 38% a titolo di prima rata, per il 2014. Questa prima rata è dovuta soltanto se l’importo da pagare supera i 257,52 euro, come accade con l’Irpef.
Il pagamento della cedolare secca esonera il proprietario dal pagamento dell’Irpef e delle imposte di registro e di bollo.

Fonte: adiconsum.it