Firenze, 22 maggio 2017. Da tempo riceviamo lamentele dei clienti riguardo i rapporti con Single Italia, nuovo marchio della società Italia Service S.r.l che affianca e quasi sostituisce il precedente Eliana Monti di cui ci siamo ripetutamente occupati in passato, con anche una denuncia all’Antitrust per pratiche commerciali scorrette.
che ha portato ad una sanzione di 85.000 euro.
Le lamentele dei clienti vanno dai contratti “estorti” e senza possibilità di ripensamento perché sottoscritti presso la sede del venditore, all’impossibilità di recedere prima della scadenza, alle promesse fuorvianti od anche del tutto false riguardo l’offerta di servizi, i quali servizi sono resi in maniera mediocre, quando non del tutto assenti.
Per cercare di venirne fuori, occorre di volta in volta valutare l’accaduto e la documentazione firmata.
Vogliamo soffermarci in particolare su due sedi presso cui la situazione si è fatta assai preoccupante: Genova e Roma.
La sede di Genova era gestita da Essepi S.r.l., che è stata posta in liquidazione.
La sede di Roma, gestita dalla Roma Service S.r.l., ha visto prima un ridimensionamento con tanto di cambio di sede da Via Cola di Rienzo a Viale Asia, e poi la pressoché totale sospensione dei servizi.
Cosa fare per recuperare quanto pagato?
La legge favorisce chi ha scelto di pagare tramite finanziamento, sancendo il diritto ad interrompere i pagamenti delle rate ed ottenere la restituzione di quanto versato
Il primo passo da fare da parte di tutti gli interessati è inviare alla società con cui si è stipulato il contratto una raccomandata a/r, oppure posta elettronica certificata, di diffida ad adempiere, intimando l’adempimento del contratto o la restituzione del prezzo entro e non oltre 15 giorni, avvertendo che in difetto il contratto sarà da intendersi senz’altro risolto di diritto ai sensi dell’art. 1454 del codice civile e dell’art.125-quinques del Testo Unico Bancario (D. Lgs.385/93).
I recapiti di Genova e Roma sono:
– Genova: Essepi S.r.l. Salita Salvatore Viale 1/19 – 16128 Genova     essepige@legamail.it
– Roma: Roma Service S.r.l. Viale Asia, 11 – 00144 Roma         elianaroma@pec.it   (la pec non risulta però attiva)
Il passo successivo per coloro che hanno acceso un finanziamento, in genere con Cofidis S.p.A., per pagare il corrispettivo è richiedere alla finanziaria, tramite raccomandata a/r oppure posta elettronica certificata, la risoluzione del contratto di finanziamento e la restituzione delle rate e oneri già pagati ai sensi dell’art.125 quinques del Testo Unico Bancario (D. Lgs.385/93).
Recapiti di Cofidis sono:
Cofidis SpA – Customer Service
Via G. Antonio Amadeo, 59
20134 Milano MI
Ove la finanziaria non provvedesse, si potrà fare ricorso all’Arbitro Bancario Finanziario.
Per coloro che invece non hanno stipulato un contratto di finanziamento, la strada è più complessa. Se infatti vi fosse un fallimento, sarebbe necessario attendere che la procedura fallimentare sia avviata presso il Tribunale competente, cui si potrà poi fare domanda di ammissione al passivo. Se invece non vi sarà fallimento, sarà necessario procedere con una causa, rivolgendosi ad un legale.
Per chiarimenti e consigli riguardo i rapporti intrattenuti con qualsiasi sede della Single Italia – Eliana Monti, è possibile rivolgersi all’Aduc tramite la consulenza online, telefonica oppure presso una delle nostre sedi.
Anna D’Antuono, legale, consulente Aduc