Seguici su

News

Socializzazione integrale della morosità. Ecco chi sono i morosi in Italia

Pubblicato

il

Abbiamo riportato ieri la notizia della socializzazione integrata della morosità e di ciò che andrà a comportare per i consumatori:  l’integrale spalmatura a tutti gli utenti degli oneri non pagati dai morosi.

Morosità dell’energia elettrica che ammonterebbero a 200 milioni di euro come prima tranche.

Ma chi sono i morosi di cui si parla?

Ebbene, dai dati dell’Autorità per l’energia, più nello specifico dal monitoraggio retail sui morosi, appare lampante come in questo Paese a non pagare sono sostanzialmente: la pubblica amministrazione e  le imprese e comunque tutti colori che consumano in “media tensione (MT) altri usi, quindi non gli utenti domestici, ovvero non i privati cittadini.

Pertanto sul monte complessivo di insoluto il consumatore ha inciso per il 2016 al 16,2%, mentre gli ”MT altri usi” per il 26,2%; nel 2012 sono arrivati ad essere morosi per ben il 37,8%, come riportato dall’Autorità.

GRAFICI MOROSITà

Quindi ci sorge spontaneo il quesito del perché se sono le imprese e la PA a consumare e a non pagare, debbano essere i consumatori, tutti indistintamente, a sopperire e colmare un buco creato da altri soggetti.

“Non appena verrà chiusa la consultazione del documento, impugneremo davanti al TAR questo provvedimento assurdo, l’ennesimo di questa Autorità pro distributori, afferma Luigi Gabriele di Codici, i fornitori di energia si rivalgano sui reali responsabili insolventi, tra l’altro rabbrividiamo al pensiero che altre delibere sul tema saranno messe a punto nei prossimi mesi per completare le procedure con cui i consumatori dovranno rimborsare ciò che non è stato pagato dai furbetti, chissà che altro si inventerà l’Autorità”.

Inoltre, se alcune aziende si divertono a fare prezzi al ribasso alla pubblica amministrazione per vincere gli appalti pubblici e poi questi ultimi non pagano perché da sempre insolventi (ma anche molti non disalimentabili), non deve essere problema del consumatore, ma del Governo.

In questa arida campagna elettorale ancora non abbiamo sentito un partito fare proposte per liberare le nostre bollette da oneri impropri più che di sistema.

Visto che non le fanno i partiti le facciamo noi, con l’auspicio che vengano almeno discusse.

Gli elettori/consumatori vogliono sentir parlare di questo e non di leggi elettorali.

Le nostre proposte, se attuate, permetterebbero una riduzione immediata delle bollette di almeno il 30% subito e senza alcun onere in capo allo Stato. Eccone qui alcune.

Proposte pro consumatori:

·         Ridurre il peso degli oneri di sistema razionalizzando le numerose voci ed eliminando quelle ormai anacronistiche e non coerenti con la spesa delle famiglie;

·         Annullare la riforma tariffaria che ha previsto di spalmare in modalità fissa sulle utenze basso consumanti gli oneri, anziché la più efficiente e giusta modalità della crescita progressiva;

·         Rivedere il meccanico degli incentivi alle fonti rinnovabili e riassegnare i fondi recuperati dalla frodi al fine di ridurre il peso della bolletta;

·         Ripulire la bolletta dagli oneri impropri riportando questi ultimi sulla fiscalità generale;

·         Dare rappresentanza ai consumatori domestici nel prossimo Collegio dell’Autorità attualmente in scadenza (11 aprile 2018);

·         Eliminare il prelievo iva sulle componenti che non riguardano la materia prima;

·         Abrogare il GSE e l’AU e sostituirli con un più efficiente registro pubblico digitalizzato sul sistema elettrico con base tecnologica AI (artificial intelligence), Blockchain e learning machine.

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

News

Fatturazione a 28 giorni: fuorvianti le indicazioni dei gestori- protesta FEDERCONSUMATORI

Pubblicato

il

Fatturazione a 28 giorni: fuorvianti le indicazioni dei gestori sulle procedure per presentare richiesta di rimborso. Sulle modalità di restituzione dei giorni erosi bisogna attendere il pronunciamento del Consiglio di Stato.

Siamo purtroppo costretti a tornare sulla nota vicenda della fatturazione a 28 giorni. L’ultimo capitolo di quella che è diventata un’odissea per gli utenti – che ormai da anni attendono compensazioni pecuniarie – si sta svolgendo proprio in queste settimane. Le compagnie telefoniche stanno, infatti, offrendo ai clienti soluzioni alternative al rimborso vero e proprio, come giga per la navigazione su internet, minuti di chiamate extra, voucher e altri servizi promozionali. Spetta pertanto all’utente scegliere, se vuole e in base alle proprie esigenze, l’opzione preferita, tenendo comunque presente che l’accettazione dell’offerta presentata dalla compagnia comporta la rinuncia a qualsiasi altra forma di rimborso, compensazione o restituzione dei giorni erosi

Nel caso in cui il cliente rifiuti l’offerta per ottenere il rimborso, alcuni gestori stanno comunicando la possibilità di presentare richiesta di restituzione dei giorni illegittimamente sottratti. A tale proposito precisiamo che si tratta di indicazioni quantomeno inesatte: l’irregolarità della fatturazione a 28 giorni è stata accertata, l’AGCOM ha sanzionato le compagnie e soprattutto ha deliberato che i rimborsi siano automatici. Da tale delibera scaturisce il ricorso delle compagnie al Consiglio di Stato, il cui pronunciamento, che definirà con certezza le modalità di restituzione, è previsto per il 4 luglio prossimo. E’ pertanto prematuro invitare gli utenti a seguire questa procedura, poiché in questo momento non è dato sapere come si esprimeranno i giudici e quindi quale sarà l’iter corretto da seguire.

Come Federconsumatori continuiamo a ritenere che i rimborsi debbano essere automatici e che sia ingiusto e inopportuno subordinare le compensazioni all’inoltro di una richiesta, poiché questa opzione finirebbe per indurre molti utenti a rinunciare al ristoro a cui hanno pienamente diritto.

Continua a leggere

News

Obsolescenza Programmata, l’Italia sta per varare la legge. ADICONSUM – VIDEO

Pubblicato

il

Martedì 18 giugno 2019

Audizione di Adiconsum alla  X Commissione del Senato
sul ddl n. 615 per il contrasto all’obsolescenza programmata dei beni di consumo

Riguarda l’audizione in senato- VIDEO dal minuto 42″ Intervento di Luigi Gabriele – ADICONSUM

Audizioni nell’ambito del ddl n. 615 su obsolescenza programmata dei beni di consumo, di rappresentanti di: Cobat, Consiglio nazionale dei consumatori e degli utenti – CNCU



Adiconsum esprime apprezzamento, sostiene e condivide le finalità del disegno di legge e propone alcune integrazioni per migliorare il testo per una maggiore tutela del consumatore
18 giugno 2019 – 
Con il termine di obsolescenza programmata si intende quell’escamotage adottato dai produttori/costruttori di costruire prodotti funzionanti per un periodo prefissato, al termine del quale il consumatore messo di fronte alla scelta se riparare il bene o acquistarlo nuovo, a volte si trova costretto a scegliere quest’ultima opzione. Di obsolescenza programmata si è cominciato a parlare in occasione dell’entrata in vigore della garanzia legale di conformità che insiste su tutti i beni di consumo e che dura 24 mesi. Molti prodotti elettrici o elettronici presentano infatti problematiche in corrispondenza proprio della fine del periodo di garanzia legale.Alcuni parlamentari hanno presentato un disegno di legge, il n. 615, per modificare il Codice del Consumo nella parte relativa alla garanzia dei beni di consumo ed hanno audito, in maniera informale, i rappresentanti del Consiglio Nazionale Consumatori e Utenti, tra cui Adiconsum.In merito al ddl abbiamo espresso parere favorevole nel disciplinare con urgenza il fenomeno dell’obsolescenza programmata che arreca danni ai consumatori, ne sosteniamo e ne condividiamo le finalità e proponiamo le seguenti integrazioni/modifiche.In particolare:

·     
 all’art. 2 (sui diritti dei consumatori) e all’art. 4 (sugli obblighi generali) proponiamo di integrare le modifiche apportate dal ddl inserendo anche la data di inizio e fine produzione del prodotto

·      
all’art. 8, comma 4-bis (in materia di CNCU – Consiglio nazionale Consumatori e Utenti) proponiamo di inserire la possibilità per il Consiglio di svolgere l’attività di vigilanza e di controllo in merito alle tecniche di obsolescenza programmata, avvalendosi dell’ausilio delle Autorità proposte ai controlli (Guardia di Finanza, Agenzia, Dogane e Monopoli di Stato)

·      
all’art. 9 (sulle sanzioni) proponiamo di aggiungere il comma 3 specificando che gli importi derivanti dalle sanzioni vadano quali fondo di supporto al CNCU per le iniziative di vigilanza e controllo.
 Adiconsum condivide gli altri articoli del disegno di legge n. 615.

Continua a leggere

News

RAI: SALVINI, TAGLIO MEGASTIPENDI E PRODUZIONI ESTERNE

Pubblicato

il

CODACONS: PRODUZIONE ESTERNE COSTANO ALLA RAI OLTRE 130 MILIONI DI EURO ALL’ANNO, IL 24% DI TUTTI I COSTI DI PROGRAMMAZIONE

AZIENDA APPALTA ALL’ESTERNO ANCHE PROGRAMMI CON SEMPLICI INTERVISTE, NONOSTANTE DISPONGA DI OLTRE 13MILA DIPENDENTI INTERNI

Le produzioni televisive che la Rai affida all’esterno costano ogni anno 131 milioni di euro, il 24% dei costi complessivi di programmazione. Lo afferma il Codacons, commentando le dichiarazioni di Matteo Salvini che ha annunciato un taglio ai mega-stipendi e alle produzioni esterne.

In base agli ultimi dati disponibili comunicati dalla stessa azienda, il valore annuo delle produzioni affidate a società esterne, in regime di appalto totale o parziale, è pari a 131 milioni di euro e rappresenta circa il 24% dei costi complessivi di programmazione pari a 540 milioni.

La Rai spende per l’acquisto di format da altre società circa 75 milioni di euro, mentre 56 milioni di euro sono i costi per il reperimento delle risorse artistiche e di natura produttiva non compresi nell’appalto (conduzioni, studi, scenografia, ecc.) – spiega il Codacons – Il problema è che molti di questi format la Rai potrebbe comodamente realizzarli in proprio, ricorrendo agli oltre 13.000 dipendenti di cui dispone, considerato che spesso le produzioni acquistate all’esterno sono programmi con semplici interviste dietro una scrivania, come il caso di “Che tempo che fa”, trasmissioni per cui non serve certo un format.

“Si tratta di un vero e proprio sperpero di soldi pubblici, su cui già indaga la Corte dei Conti a seguito di esposto Codacons – afferma il presidente Carlo Rienzi – Pertanto non possiamo che appoggiare e sostenere la battaglia di Matteo Salvini, sperando che, a differenza di quanto avvenuto negli ultimi anni, non rimangano solo parole ma si trasformino in fatti concreti”.

Continua a leggere