Seguici su

Consumatori

Speciale Concorrenza: cosa cambia per le società di ingegneria

Pubblicato

il

Terzo approfondimento dedicato alle nuove normative introdotte dalla legge 124 del 4 agosto 2017

di Stefano Bruni

La legge 124/2017, approvata in via definitiva i primi di agosto, prescrive, ai commi 148 e 149 dell’articolo unico che la costituisce, l’estensione alle società di ingegneria costituite in forma di società di capitali o cooperative della disciplina prevista dalla legge n. 266 del 1997, la prima ad aver consentito l’esercizio della professione in forma societaria.

L’intervento normativo consente così di affermare la validità dei contratti conclusi, a decorrere dall’11 agosto 1997, tra le suddette società di ingegneria e i privati, sanando così una serie di pregresse situazioni e superando interpretazioni opposte date dalla giurisprudenza.

Un po’ di storia relativa al tema consentirà di capire meglio la portata della nuova disposizione.

La prima legge italiana ad occuparsi di società e di associazioni di professionisti fu la legge n. 1815 del 1939 che, da un lato, vietava  a tutti i professionisti di esercitare la professione attraverso il ricorso alla forma societaria, dall’altro, consentiva, esclusivamente, la costituzione di associazioni professionali.

Per superare il generale divieto di ricorso alla forma societaria si è dovuto attendere il 1997, quando cioè fu approvata la cosiddetta Legge Bersani (legge n. 266 del 1997), entrata in vigore l’11 agosto 1997. La norma che abrogava il divieto introdotto nel lontano 1939, però, prevedeva che fosse emanato un regolamento di esecuzione che individuasse i requisiti per l’esercizio delle attività in forma societaria. Ma il regolamento non è stato mai emanato.

A distanza di quasi dieci anni, nel 2006, il legislatore ritornò sul tema con il decreto-legge n. 223 del 2006 (c.d. decreto Bersani) che abrogò le disposizioni legislative e regolamentari che prevedevano il divieto di fornire all’utenza servizi professionali di tipo interdisciplinare da parte di società di persone o associazioni tra professionisti (c.d. società multidisciplinari), precisando al contempo che l’oggetto sociale relativo all’attività libero-professionale doveva essere esclusivo, che il medesimo professionista non può partecipare a più di una società e che la specifica prestazione doveva essere resa da uno o più soci professionisti previamente indicati, sotto la propria personale responsabilità.

Dopo alcuni anni, e precisamente in occasione dell’approvazione della legge di Stabilità 2012, si è provveduto a disciplinare la costituzione di società tra professionisti consentendo ai medesimi professionisti iscritti a ordini professionali di esercitare la professione in forma societaria o cooperativa (Titoli V e VI del Libro quinto del codice civile) e dunque anche di assumere la forma di società di capitali.

Qualunque forma fosse stata prescelta, la denominazione sociale sarebbe stata quella della “società tra professionisti” (STP), anche qualora si fosse optato per svolgere diverse attività professionali (c.d. società multidisciplinare).

Quanto, nello specifico, all’esercizio della professione di ingegnere, prima la c.d. Legge Merloni, poi la c.d. Merloni-ter e, poi, il Codice degli appalti (D.Lgs. n. 163 del 2006, art. 90, comma 2, lettera b)) hanno previsto la costituzione di società di capitali e cooperative, ma limitatamente allo svolgimento della professione in relazione agli appalti pubblici. Dunque, la costituzione di società di capitali e di cooperative da parte di ingegneri per attivare rapporti con i privati sarebbe stato possibile solo a partire dal 1 gennaio 2013.

In questo senso, infatti, la giurisprudenza si è orientata in questi ultimi anni, dichiarando spesso la nullità di tutti i contratti stipulati anteriormente alla data del 1 gennaio 2013 poiché conclusi in violazione di legge.

Per risolvere il problema, quindi, il comma 148 dell’art. 1 del ddl Concorrenza ha ricondotto all’entrata in vigore della legge n. 266 del 1997 la possibilità per gli ingegneri di svolgere la professione attraverso la costituzione di società di capitali (società per azioni, in accomandita per azioni e a responsabilità limitata) e società cooperative, facendo conseguentemente salvi, come una sorta di sanatoria, i rapporti contrattuali già intercorsi.

Inoltre, il medesimo comma 148 richiede, per i contratti stipulati dalle medesime società dopo l’entrata in vigore del d.d.l. Concorrenza, che le medesime società stipulino una polizza di assicurazione per la copertura dei rischi derivanti dalla responsabilità civile conseguente allo svolgimento delle attività professionali dedotte in contratto e garantiscano che tali attività siano svolte da professionisti, nominativamente indicati, iscritti negli appositi albi previsti dai vigenti ordinamenti professionali.

Spetterà all’Autorità Nazionale Anticorruzione pubblicare sul proprio sito internet l’elenco delle suddette società.

Il comma 149 della legge annuale per il mercato e la concorrenza, inoltre, è intervenuto prevedendo l’abrogazione del comma 2 dell’art. 24 della legge n. 266 del 1997, relativo alla necessità di un regolamento di esecuzione per la determinazione dei requisiti per l’esercizio delle attività in forma societaria.

Le società destinatarie della norma, circa 2.500 in Italia, ringraziano, così come le casse dello Stato visto che il fatturato delle società di ingegneria in Italia è previsto essere, per il 2017, pari ad oltre 1.400 milioni di euro.

Leggi il primo speciale sulla Concorrenza, le novità per i professionisti 

Leggi il secondo speciale sulla Concorrenza, le novità per la professione forense

fonte:labparlamento.it

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

Consumatori

MUTUI PRIMA CASA- Appello ADICONSUM al Governo: rifinanziare presto

Pubblicato

il

Appello di Adiconsum al Ministro dell’Economia, Giovanni Tria:
rifinanziare al più presto il Fondo Consap per l’acquisto della prima casa.
Nessun onere a carico dello Stato per il rifinanziamento

15 gennaio 2019 – Sulla nostra pagina facebook continuano ad arrivare numerose richieste di consumatori in merito al rifinanziamento del Fondo Consap per l’acquisto della prima casa, lamentando anche il fatto che, a dispetto delle esigue risorse rimaste ma comunque ancora presenti, alcuni istituti di credito stanno declinando le domande di accensione dei mutui con questa modalità già da alcuni mesi – dichiara Carlo De Masi, Presidente di Adiconsum nazionale.

Lo scorso novembre – prosegue Danilo Galvagni, Vice Presidente di Adiconsum –  ci eravamo attivati lanciando l’allarme sull’imminente esaurimento delle risorse del Fondo Consap, inviando una lettera al Ministro, Giovanni Tria, chiedendo, oltre  ad un intervento urgente di rifinanziamento, anche l’apertura di un Tavolo con tutti gli stakeholder, comprese le Associazioni Consumatori, per omogeneizzare le regole e aumentare le opportunità. Questa lettera, purtroppo, al momento è ancora disattesa.

Il Fondo di garanzia Consap – continua Galvagni – ha svolto in questi anni un duplice ruolo: di tutela sociale, da un lato, permettendo l’accesso al credito anche a quelle persone prive di determinati requisiti (si pensi in primis al lavoratore con contratto di lavoro atipico) e di volano nel settore dell’edilizia, dall’altro.

Rivolgiamo, quindi, un appello al Ministro dell’Economia Tria – conclude De Masi – affinché intervenga al più presto per rifinanziare il Fondo, considerato che tale operazione non richiede alcun onere a carico dello Stato.

Continua a leggere

Consumatori

Guerra TAXI vs NNC, secondo l’antitrust va liberalizzato il settore

Pubblicato

il

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato è stata sentita in audizione informale dinnanzi alla IX Commissione (Trasporti, poste e telecomunicazioni) della Camera dei Deputati in merito al disegno di legge di conversione del decreto-legge 29 dicembre 2018, n. 143 “Disposizioni urgenti in materia di autoservizi pubblici non di linea”. 
Nel corso dell’audizione è stato evidenziato come nel settore della mobilità non di linea si sia sviluppata nei tempi più recenti una domanda molto estesa e diversificata di servizi che tende a non distinguere più tra attività soggette a obblighi di servizio pubblico (taxi) e attività di mercato (NCC) e che, legata ad un concetto di mobilità urbana di tipo intermodale di servizi, fa ampio ricorso ai nuovi strumenti resi possibili dall’innovazione tecnologica.

In questo quadro, qualunque riforma organica della disciplina di settore dovrebbe avere quale obiettivo ultimo il pieno soddisfacimento delle nuove esigenze dei consumatori, affinché gli stessi possano trarre pieno beneficio dalle innovazioni tecnologiche e dai mutamenti intervenuti nelle modalità di offerta dei servizi.

A tale riguardo, l’Autorità ha posto in luce come le modifiche introdotte dal Decreto in via di conversione non appaiano andare nella direzione auspicata. Il mantenimento infatti di vincoli nelle modalità di prenotazione dei servizi e delle restrizioni territoriali all’offerta di servizi NCC, unitamente all’inutilizzabilità delle piattaforme tecnologiche e alla moratoria nel rilascio di nuove autorizzazioni, tenderà a rendere sempre più difficile l’incontro della domanda e dell’offerta, con l’effetto di deprimere il benessere dei consumatori finali in termini di minore ampiezza e qualità dei servizi offerti e di prezzi più elevati.

        Sulla base di tali considerazioni, l’Autorità ha ribadito il proprio favore a un disegno di riforma complessiva della normativa del settore della mobilità non di linea secondo le linee avanzate nelle sue numerose segnalazioni in senso pro-concorrenziale e nel rispetto rigoroso del principio di proporzionalità.

Nelle more di tale processo di riforma, l’Autorità ha sottolineato la necessità di procedere, in sede di conversione, a modificare quelle parti del Decreto idonee a mantenere o addirittura a rafforzare ingiustificate restrizioni concorrenziali nel settore della mobilità non di linea.

In particolare, l’Autorità ha suggerito di: i) eliminare ogni limitazione alle modalità di prenotazione del servizio di NCC; ii) abrogare le norme della legge n. 21/92 che di fatto determinano restrizioni territoriali all’operatività delle imprese NCC; iii) abrogare la norma che introduce una moratoria al rilascio di nuove autorizzazione NCC sino alla realizzazione del registro nazionale.

Roma, 16 gennaio 2019

Continua a leggere

Consumatori

CONSOB: verso la nomina di Marcello Minenna. OK dei consumatori

Pubblicato

il

16 gennaio 2019 – Esprimiamo soddisfazione per le dichiarazioni dei leaders di maggioranza di voler procedere alla copertura della presidenza della Consob, già dal prossimo Consiglio dei Ministri, indicando nella persona di Marcello Minenna, il candidato da nominare.

Consideriamo il prof. Minenna, la sua storia personale e la sua indipendenza dalla politica e dai poteri finanziari, una figura di garanzia per i risparmiatori e per i cittadini tutti, al fine di contrastare le distorsioni e le problematiche che si sono determinate, spesso causate dal potere delle elite finanziarie. 

Continua a leggere