Seguici su

Salute

“Spermabot”: il possibile trattamento del cancro alla cervice

Pubblicato

il

Fonte: visionari.org

Un microrobot potrebbe un giorno consegnare farmaci antitumorali nel tratto riproduttivo femminile, secondo un nuovo documento dalla Germania.

Un microrobot sperma bioibrido potrebbe un giorno consegnare farmaci antitumorali per contrastare tumori nel tratto riproduttivo femminile, secondo un nuovo documento dalla Germania.

Il microbot dal suono fantascientifico, descritto in un articolo di dicembre sulla rivista ACS Nano, è composto da sperma di un toro abbinato ad una microstruttura plastica stampata in 3D e ricoperta da un rivestimento a base di ferro.

Questo rivestimento permette ai ricercatori di dirigere magneticamente il robot verso il bersaglio. In seguito, colpito il tumore, quattro braccia sulla microstruttura del bot bioibrido si piegano automaticamente, rilasciando la cellula spermatozoo che penetra nelle cellule tumorali e distribuisce il medicinale.

La tecnologia è ancora lungi dall’essere pronta per applicazioni pratiche — finora è stata testata solo su lastrine da laboratorio, ed è necessaria molta più ricerca prima che possa essere provata negli esseri umani.

Anche se gli “spermbot” possono sembrare un modo strano per consegnare i farmaci in alcune zone del corpo, i ricercatori hanno detto che gli spermatozoi possono rappresentare un mezzo naturale per tale scopo.

“Abbiamo deciso di lavorare con gli spermatozoi perché hanno la capacità di nuotare naturalmente nel tratto riproduttivo femminile,” ha detto Mariana Medina-Sánchez, co-autrice dello studio, leader del Micro e Nanobiomedical Engineering Group presso l’Istituto per le Nanoscienze Integrative di Dresda, Germania.

“Lo sperma ha la naturale capacità di fondersi con la cellula uovo, e questo rappresenta un beneficio,” ha detto Medina-Sánchez a Live Science. “Si può fare la stessa cosa con le cellule tumorali e rilasciare il farmaco all’interno delle cellule tumorali, rendendo il trattamento molto più efficace.”

Nello studio, i ricercatori hanno iniettato un farmaco per il cancro cervicale chiamato cloridrato di doxorubicina nella testa della cellula dello sperma, ha detto Medina Sánchez. La testa dello sperma protegge il farmaco dall’ambiente circostante. Inoltre, il farmaco non colpisce le cellule dello sperma nello stesso modo in cui colpisce le cellule tumorali, così la cellula dello sperma rimane sana ed è in grado di muoversi.

Gli spermbot portatori di farmaci sono stati testati su lastrine da laboratorio, dove erano incaricati di consegnare i farmaci alle cellule tumorali cervicali.

I ricercatori hanno detto che sperano di passare in futuro alla sperimentazione animale. E ad un certo punto dovranno sostituire lo sperma del toro con uno sperma umano, ha affermato Medina-Sánchez.

Dalle cellule di laboratorio agli esseri umani?

Anche se gli esperimenti di laboratorio hanno avuto successo — lo spermbot è stato guidato alle cellule tumorali del collo dell’utero, dove lo sperma ha rilasciato il farmaco antitumorale — ci sono ancora alcune sfide che i ricercatori stanno cercando di affrontare, ha detto Medina-Sánchez.

Ad esempio, i ricercatori “vogliono rendere biodegradabile la struttura in plastica rivestita di ferro in modo che si dissolva dopo il rilascio del farmaco,” ha spiegato Medina-Sánchez. Questa regolazione contribuirebbe a “evitare reazioni immunologiche e di altro tipo che potrebbero eventualmente causare tali strutture.”

Al momento, i ricercatori possono solo guidare le singole cellule dello sperma. Ma per le applicazioni pratiche, avrebbero bisogno di essere in grado di guidare più cellule dello sperma allo stesso tempo per fornire la giusta dose del farmaco, nonostante una singola cellula di sperma possa già trasportarne abbastanza.

Nelle applicazioni pratiche, gli spermatozoi potrebbero essere iniettati nel sistema riproduttivo femminile con un catetere — un metodo simile all’inseminazione artificiale, ha detto Medina-Sánchez. Gli spermbot avrebbero ancora bisogno di essere guidati magneticamente, ma il campo magnetico usato per controllare il bot è molto debole e non ha alcun effetto sul corpo umano, ha aggiunto.

Nello studio, gli spermbot sono stati testati utilizzando cellule tumorali cervicali. Ma i ricercatori vogliono usarlo per tutti i tipi di tumori ginecologici — cancro ovarico, cancro dell’ utero, cancro cervicale.

Saranno necessari ulteriori progressi tecnologici affinché tale tecnologia possa essere esportata negli ospedali. Le attuali tecniche di immaging non sono abbastanza precise da consentire ai medici di monitorare in tempo reale il movimento dei cyborg sperma all’interno del corpo, che è ciò che si vorrebbe svolgere in contesti clinici.

“Idealmente, vorremmo visualizzare gli spermbot in tempo reale nel tessuto profondo… così da condurli realmente nella posizione di destinazione. Ma attualmente, la risoluzione spaziale dei sistemi di risonanza magnetica o di immaging ad ultrasuoni è solo di circa 100 micrometri.” Medina-Sánchez

La testa dello sperma è di 5 per 10 micrometri di dimensione, e la microstruttura stampata 3D è solo leggermente più grande, il che significa che lo sperma cyborg sarebbe invisibile ai sistemi attuali.


Tradotto in Italiano. Articolo originale: LiveScience


VISIONARI è un network di imprenditori, scienziati, artisti, scrittori e changemakers che pensano e agiscono al di fuori degli schemi.
Puoi fare domanda per entrare qui: https://bit.ly/visionari-entra

Seguici sulla nostra pagina Facebook per scoprire nuovi progetti innovativi:
VISIONARI

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

Salute

CONTRACCETTIVO A RISCHIO: CODACONS PRESENTA ESPOSTO IN PROCURA

Pubblicato

il

Un contraccettivo permanente dagli effetti collaterali pericolosi al punto da portare il Ministero della salute a disporne il richiamo su tutto il territorio nazionale. E’ il caso del contraccettivo “Essure”, prodotto dalla Conceptus Inc., un’azienda sussidiaria della Bayer, finito nel mirino del Codacons che lancia oggi una azione collettiva in favore di tutte le donne che hanno scelto di impiantare il prodotto in questione.

Nel periodo di tempo in cui è stato sul mercato, Essure sarebbe stato impiantato a circa 7000 donne italiane, in alternativa all’operazione chirurgica quale metodo contraccettivo permanente ed irreversibile – spiega il Codacons – Dal momento dell’immissione in commercio, tuttavia, moltissime donne hanno lamentato gravi effetti collaterali seguiti all’impianto, dalla perforazione delle tube di Falloppio e dell’utero alle emorragie e gravidanze indesiderate, arrivando in un numero rilevante di casi alla rimozione chirurgica del dispositivo.

A seguito di tali complicanze il Ministero della Salute ha richiesto, attraverso un avviso di sicurezza, di procedere in via precauzionale al tempestivo richiamo di tutte le unità ancora presenti presso le strutture sanitarie sul territorio nazionale.

Il Codacons – che nei giorni scorsi sul caso ha presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Roma – ha deciso di scendere in campo a tutela delle donne che hanno fatto ricorso al contraccettivo Essure, mettendo a disposizione uno staff medico-legale per valutare le dovute azioni da intraprendere a loro tutela e finalizzate ad ottenere il risarcimento dei danni subiti, anche in relazione ai rischi sanitari corsi.

Tutti gli interessati possono ottenere info alla pagina https://codacons.it/sotto-accusa-il-dispositivo-contraccettivo-permanente-essure-agisci-ora-per-chiedere-il-risarcimento/

Continua a leggere

Salute

Oggi il WORLD PASTA DAY: la pasta italiana è la buona e sostenibile

Pubblicato

il

 

Proprio nel giorno del World Pasta Day, viene presentato un nuovo modello pilota di coltivazione del grano duro, in grado di garantire alla pasta italiana una materia prima di eccellente qualità, con ottime rese e ridotto impatto ambientale. Si tratta di ICAFRUD (Impronta CArbonica della coltivazione di FRUmento Duro) messo a punto dal CREA Politiche e Bioeconomia in collaborazione con Barilla, Horta, Lyfe Cycle Engeneering e CCPB, nell’ambito del progetto Barilla Sustainable Farming, che punta a ottenere prodotti agricoli più sostenibili con un migliore utilizzo di fattori produttivi. I risultati, rilevati sulle aziende che hanno aderito, sono stati illustrati oggi a Roma nel workshop “Per un’agricoltura italiana più sostenibile: l’esperienza della filiera del grano duro di alta qualità”.

Il progetto

L’impresa aderente, sottoscrive un contratto di coltivazione e può utilizzare il DSS GranoDuro.net®, “Decalogo per la coltivazione sostenibile del grano duro di qualità”, un innovativo strumento di consulenza, sviluppato da Horta e concepito come supporto alle decisioni (DSS) che integra le informazioni relative all’andamento meteorologico, alle condizioni del suolo e alle caratteristiche varietali. Le informazioni generate da questa applicazione informatica e implementate dall’azienda stessa consentono di avere anche i dati tecnici necessari per calcolare l’impronta carbonica ed ecologica della coltivazione, secondo lo standard ISO 14067 implementato da LC Engineering.

I risultati

Gli output delle aziende che adottano GranoDuro.net® sono stati messi a confronto con quelli ottenuti dalle imprese appartenenti al campione della Rete di Informazione Contabile Agricola (RICA), gestito dal CREA Politiche e Bioeconomia, e che applicano una gestione ordinaria della coltura. L’impronta carbonica del frumento duro nelle aziende RICA è stata misurata attraverso un’indagine pilota diretta, che ha integrato le informazioni strutturali e tecniche già rilevate nell’ambito dell’attività RICA. La rilevazione e il successivo confronto hanno riguardato 136 aziende appartenenti al campione RICA e diverse centinaia di aziende che hanno adottato GranoDuro.net® (GDN) nei 4 anni (2014-2017) scelti per l’indagine.

Il confronto evidenzia la maggiore sostenibilità e la migliore qualità del prodotto delle aziende GranoDuro.net® (GDN). In particolare, le rese nelle aziende GDN sono superiori del 22-32% rispetto a quelle riscontrabili nelle aziende ordinarie RICA, a seconda dell’anno di coltivazione, mentre l’impronta carbonica (misurata in tonnellate di CO2 equivalente) delle aziende GDN è inferiore in misura variabile dall’8 al 16%, sempre in funzione dell’annata agraria. Se la riduzione delle emissioni di gas serra venisse riportata ad ettaro e si ipotizzasse l’adozione delle pratiche sostenibili sull’intera superficie a frumento duro nazionale, si avrebbe una diminuzione delle emissioni intorno alle 500.000 tonnellate di CO2 equivalente all’anno, pari al 1,5% delle emissioni complessive del settore agricolo italiano.

“La pasta è un’icona del nostro Made in Italy – ha affermato il sottosegretario MIPAAFT Alessandra Pesce – e la sua qualità va garantita ai consumatori non solo per il suo valore intrinseco, ma anche come immagine del nostro sistema agroalimentare. Il corretto funzionamento della filiera implica investire in qualità e in sostenibilità, con una collaborazione tra le diverse parti coinvolte. Il progetto pilota ICAFRUD – – ha continuato –  ha portato all’elaborazione di strategie innovative, basate su modelli agroecologici tarati sulle realtà locali e coniugate con la definizione di contratti di coltivazione. Dai risultati elaborati dal CREA emerge con chiarezza come l’avvio di strumenti negoziali permette di innalzare gli standard qualitativi, migliorare le performance ambientali e sostenere la redditività delle aziende agricole coinvolte. Risultati di tutto rispetto per la valorizzazione e la tutela del nostro Made in Italy”.

 

Continua a leggere

Salute

Prima radiografia a colori 3D di un essere umano con tecnologia CERN, da Visionari

Pubblicato

il

fonte: Visionari.org

Dall’acceleratore di particelle agli ospedali: una nuova tecnica fotografica promette diagnosi più accurate e precise

Cosa succede se, invece di un’immagine radiografica in bianco e nero, il medico di un malato di cancro avesse accesso a immagini a colori che identificano i tessuti scansionati? Questa tecnica di imaging a raggi X a colori potrebbe produrre immagini più chiare e precise e aiutare i medici a fornire ai loro pazienti diagnosi più accurate.

Ciò è ora possibile grazie a un’azienda neozelandese che ha effettuato per la prima volta la scansione del corpo umano utilizzando un innovativo scanner medico a colori basato sulla tecnologia Medipix3 sviluppata dal CERN. I professori Phil e Anthony Butler delle università di Canterbury e Otago hanno trascorso un decennio costruendo e perfezionando i loro prodotti.

Medipix è una famiglia di chip di lettura per l’imaging e il rilevamento di particelle. Il concetto originale di Medipix consiste nel fatto di funzionare come una telecamera, rilevando e contando ogni singola particella che colpisce i pixel quando l’otturatore elettronico è aperto. Ciò consente di ottenere immagini ad alta risoluzione, ad alto contrasto e molto affidabili, rendendola unica per le applicazioni di imaging, in particolare in campo medico.

La tecnologia ibrida di rilevazione dei pixel è stata inizialmente sviluppata per soddisfare le esigenze di tracciamento delle particelle presso il Large Hadron Collider e le generazioni successive di chip Medipix hanno dimostrato, attraverso uno sviluppo durato 20 anni, il grande potenziale della tecnologia al di fuori della fisica ad alta energia.

MARS Bioimaging Ltd, che commercializza lo scanner 3D, è collegata alle Università di Otago e Canterbury. Quest’ultima, insieme ad oltre 20 istituti di ricerca, costituisce la terza generazione della collaborazione Medipix. Il chip Medipix3 è il più avanzato disponibile oggi e il Professor Phil Butler riconosce che “questa tecnologia differenzia la macchina a livello diagnostico perché i suoi piccoli pixel e l’accurata risoluzione energetica fanno sì che questo nuovo strumento di imaging sia in grado di ottenere immagini che nessun altro strumento di imaging può ottenere”.

La soluzione MARS accoppia le informazioni spettroscopiche generate dal rivelatore abilitato Medipix3 con potenti algoritmi per la generazione di immagini 3D. I colori rappresentano diversi livelli di energia dei fotoni a raggi X registrati dal rivelatore e quindi individuano diversi componenti delle parti del corpo come grasso, acqua, calcio e marcatori di malattie.

Finora i ricercatori hanno utilizzato una piccola versione dello scanner MARS per studiare il cancro, la salute delle ossa e delle articolazioni e le malattie vascolari che causano infarti e ictus. “In tutti questi studi, i primi promettenti risultati suggeriscono che, quando l’imaging spettrale viene usato regolarmente nelle cliniche, consentirà una diagnosi più accurata e una personalizzazione del trattamento”, afferma il Professor Anthony Butler.

Il gruppo di trasferimento delle conoscenze del CERN (Knowledge Transfer Group) vanta una lunga esperienza nel trasferimento delle tecnologie del CERN, in particolare per le applicazioni mediche. Nel caso dello scanner 3D è stato stipulato un contratto di licenza tra il CERN, per conto della collaborazione Medipix3 , e MARS Bioimaging Ltd.. Come afferma Aurélie Pezous, responsabile del trasferimento di conoscenze del CERN: “È sempre gratificante vedere che il nostro lavoro sfrutta i benefici per i pazienti di tutto il mondo. Applicazioni reali come questa alimentano i nostri sforzi per ottenere risultati ancora migliori”.

Nei prossimi mesi, i pazienti ortopedici e reumatologici in Nuova Zelanda saranno sottoposti a scansione dal rivoluzionario scanner MARS in uno studio clinico che rappresenta una novità mondiale, aprendo la strada a un uso potenzialmente routinario di questa apparecchiatura di nuova generazione.


Tradotto in Italiano. Articolo originale: CERN


VISIONARI è un’associazione non-profit che promuove l’utilizzo responsabile di scienza e tecnologia per il miglioramento della società. Per diventare socio, partecipare ai nostri eventi e attività, o fare una donazione, visita: https://visionari.org

Seguici su Facebook e Instagram per scoprire nuovi progetti innovativi.

Continua a leggere