Il nuovo Governo si appresta a raccogliere un’eredità importante dall’esecutivo Monti: la Strategia energetica nazionale. L’azione, come riportato su Il Sole 24 Ore, consisterà in alcuni punti fondamentali, come il rilancio delle estrazioni nazionali di petrolio e gas e l’incoraggiamento dell’efficienza energetica, ponendo un freno ai finanziamenti senza controllo assegnati negli ultimi anni nel campo del al solare fotovoltaico e sviluppando le altre fonti verdi finora sottovalutate (solare termico, biomasse, geotermia).

Inoltre, si proverà a fare dell’Italia un hub continentale del gas, mediante la realizzazione un nuovo rigassificatore da 8 mld di metri cubi all’anno da affiancare ai due già in funzione e situati a Panigaglia e Rovigo.

Approfondimento