Seguici su

Consumatori

Sui social, i bot hanno influenzato le elezioni Statunitensi. Ora si guarda alla Germania

Pubblicato

il

fonte:visionari.org

Profili falsi riescono a polarizzare le opinioni pubbliche, ed individuarli è davvero difficile.

Il 3 settembre, mentre la cancelliera tedesca Angela Merkel e il suo principale avversario Martin Schulz si trovavano di fronte a un dibattito elettorale che molti telespettatori hanno considerato più un duetto che un duello, sui social media il dibattito era incandescente. La gente su Twitter ha iniziato a usare l’hashtag #verräterduell, che si traduce come “duello dei traditori” e rispecchia l’affermazione del partito di destra Alternative für Deutschland che sia i democristiani che i socialdemocratici di Schulz hanno “tradito” il paese.

Tuttavia, non sono stati solo gli elettori arrabbiati ad aver sputato tanto veleno, dicono i ricercatori. Sembra piuttosto un lavoro da bot, o falsi profili sui social media che sembrano essere collegati ad utenti umani, ma che in realtà sono guidati da algoritmi.

Il 24 settembre è il giorno delle elezioni tedesche per il nuovo parlamento, e gli esperti hanno seguito da vicino i segnali di una propaganda automatizzata sui social network. Finora, i bot sembrano stati meno attivi di quanto non abbiano fatto durante le recenti elezioni presidenziali in Francia e negli Stati Uniti, dove alcuni commentatori ritengono che la Russia abbia tentato di dare impulso ai candidati di destra. Ma i ricercatori sensibilizzati dalle passate elezioni stanno facendo dello scenario tedesco un laboratorio per studiare come riconoscere i bot e tracciarne gli effetti.

La maggior parte dei ricercatori si concentrano su Twitter, che non vieta account automatizzati. La piattaforma mette inoltre a disposizione gratuitamente l’1% dei tweet attraverso un’interfaccia di programmazione e, a pagamento, apre al 10%. Dopo aver analizzato i tweet di 14 milioni di utenti in tutto il mondo, Emilio Ferrara, uno scienziato informatico dell’Information Sciences Institute dell’Università della California del Sud di Los Angeles, ha stimato che fino al 15% dei profili Twitter, ovvero 50 milioni di profili, sono bot. E la maggior parte sono creature della politica.

“Tra i pochi argomenti su cui i bot si concentrano”, dice Ferrara, “la politica è certamente uno dei più importanti, se non il più importante”.

I bot possono gonfiare l’importanza di un argomento o offuscare la reputazione di un altro, inondando i social network con notizie false e manipolando la valuta di Twitter: like e condivisioni, follow e retweet. Non è chiaro come questo si traduca in voti, dice Simon Hegelich, scienziato politico della Scuola bavarese di Politica Pubblica dell’Università Tecnica di Monaco di Baviera in Germania. I bot difficilmente cambieranno le preferenze degli elettori, ritiene, ma potrebbero influenzare le decisioni sull’opportunità di votare. “È difficile provarlo modo scientificamente rigoroso”, dice.

La Germania sembra un buon posto per fare qualche esperimento. La rete del parlamento tedesco è stata hackerata nel 2015 — si dice che la Russia sia il principale sospetto— e si è temuto che le e-mail rubate avrebbero potuto essere pubblicate strategicamente per influenzare le elezioni. (Nelle elezioni presidenziali francesi di questa primavera, i bot hanno richiamato l’attenzione su documenti rubati e falsificati). Lo scorso ottobre, la Merkel ha esortato i partiti politici ad astenersi dall’utilizzare i bot social; tutti i principali partiti, eccetto Alternative für Deutschland, si sono accordati.

Ora, i gruppi di ricerca stanno a pescando decine di milioni di tweet relativi alle elezioni tedesche per capire se i bot abbiano influenzato l’opinione degli elettori. Lisa-Maria Neudert del Progetto Propaganda computazionale presso l’Università di Oxford nel Regno Unito sta confrontando l’attuale attività dei bot con i modelli osservati durante le elezioni presidenziali in Germania lo scorso febbraio. In quell’elezione, in cui era un organo politico chiamato Assemblea federale a votare al posto dei cittadini, i bot rappresentavano una piccola frazione dei tweet politici, afferma Neudert. Si aspetta più attività di bot nelle ultime elezioni, dove era in gioco l’opinione pubblica.

Il bot-spotting è una delle sfide più impegnative nel settore in espansione. La metrica di Neudert è grossolana, riconosce lei stessa: etichetta come bot qualsiasi account che pubblichi più di 50 tweet al giorno usando certi hashtag politici. “Questo è sbagliato in entrambe le direzioni”, dice Hegelich. Alcuni utenti umani pubblicano di più, e alcuni bot molto meno. Ma Neudert dice che il metodo è stato sorprendentemente valido a individuare bot.

Le versioni precedenti dei social bot erano facili da identificare perché molti hanno postato continuamente giorno e notte, ma nella corsa agli armamenti tra botmakers e bot-detector, i bot sono diventati più difficili da identificare. Ci sono addirittura segnali che i botmakers si sono adattati alla regola di Neudert, rimanendo appena sotto i 50 tweets. “Non si può mai essere sicuri al 100% se un profilo è un bot”, dice Hegelich. Per rilevare le impronte digitali dei bot durante il dibattito Merkel-Schulz, gli scienziati di un progetto chiamato PropStop si sono basati su altre misure di comportamento. Hanno scoperto che gli account che usano l’ hashtag #verräterduell tendono ad essere profili più recenti e ritweettano i loro messaggi più spesso di altri account.

Molti ricercatori si stanno rivolgendo a tecniche di machine-learning per distinguere utenti reali da quelli falsi. Ferrara, ad esempio, è arrivato alla sua stima dei bot usando un algoritmo che ha addestrato su milioni di tweet provenienti da utenti umani e bot verificati. Traccia centinaia di caratteristiche, tra cui l’età di un account e l’uso di emoticon. Hegelich, che sta verificando le correlazioni tra l’affluenza alle urne nelle prossime elezioni e l’attività dei bot, esamina fattori come la distribuzione dei punti esclamativi per individuare i bot. Gli esseri umani sono incoerenti, dice. “La maggior parte dei bot o usa molti punti esclamativi oppure non li usa proprio”.

Ma anche i modelli più sofisticati probabilmente non riescono a trovare molti bot, dice Ferrara. “Facciamo un ottimo lavoro per individuare i bot semplici, ma per quelli più complessi e avanzati [basati su intelligenza artificiale] abbiamo solo pochi esempi, e probabilmente non vedremo la maggior parte di loro in questi giorni”.

Forse la domanda più urgente è chi si nasconde dietro ai bot. Ferrara ha monitorato i bot che sono stati schierati nelle elezioni presidenziali americane dell’anno scorso. Dopo la vittoria di Donald Trump, “questi account sono stati oscurati”, dice Ferrara. Alcuni sono tornati in vita ad aprile, alla vigilia delle elezioni francesi, spingendo Marine Le Pen, il candidato di estrema destra alle elezioni francesi, dice. Un determinato numero ha iniziato a twittare in francese.

Ferrara sta ora studiando se gli stessi bot sono attivi in Germania. Se è così, una manciata di malintenzionati potrebbe essere alla guida di un vero e proprio esercito di social media bot, cercando di influenzare le elezioni paese dopo paese.


Tradotto in Italiano. Articolo originale: Science


VISIONARI è un network di imprenditori, scienziati, artisti, scrittori e changemakers che pensano e agiscono al di fuori degli schemi.
Puoi fare domanda per entrare qui: https://bit.ly/visionari-entra

Seguici sulla nostra pagina Facebook per scoprire nuovi progetti innovativi:
Visionari

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

Consumatori

Black Friday, Adiconsum-Avverte come acquistare in sicurezza: ecco le 10 regole da rispettare

Pubblicato

il

Sempre più italiani si stanno preparando per l’evento di e-commerce (e non solo) più atteso: il Black Friday. Nonostante si tratti di una “tradizione” americana che ricorre il giorno successivo alla festa del Ringraziamento, la febbre degli sconti concentrati in un solo periodo ha finito per conquistare tutto il mondo e, di conseguenza, anche l’Italia. Lo scorso anno, durante la settimana del Black Friday, sono stati ordinati 2 milioni di prodotti sulla piattaforma Amazon.it contro gli 1,1 milioni del 2016. Un incremento percepito anche dal sito Trovaprezzi.it che ha registrato un aumento di ricerche del +20% rispetto al 2016.

Le tre categorie più convenienti del 2017 sono state: giochi ps4, smartwatch e scarpe da corsa (idealo.it).

I dati di Eurostat e di Ecommerce Europe, l’associazione che rappresenta più di 75.000 compagnie che vendono beni e servizi online sul territorio europeo confermano che il 2017 è stato un anno d’oro per il commercio online. Il 68% degli utenti internet europei ha compiuto acquisti online durante il 2017 e la maggior parte delle persone che hanno fatto acquisti sul web, in un periodo di riferimento di 3 mesi, hanno pagato tra i 100 e i 500 euro.

I compratori più accaniti appartengono alla fascia di età compresa tra i 25 e i 54 anni mentre le categorie più ricercate durante gli acquisti sono abbigliamento e hi-tech.

Se, da una parte, Black Friday e Cybermonday rappresentano uno strumento utilissimo per acquistare ciò che serve a poco prezzo, dall’altra c’è sempre il rischio di compiere acquisti avventati o, ancora peggio, di ritrovarsi con articoli contraffatti e pericolosi.

Per aiutare i consumatori, Adiconsum e Centro Europeo Consumatori Italia propongono una Campagna informativa per agevolare i clienti e sensibilizzarli sui diritti che si applicano agli acquisti online.

 

IL DECALOGO ADICONSUM

 

Acquistare on line beni contraffatti è un rischio per la tua sicurezza, per la tua salute e per il tuo portafoglio… quindi non farlo!

Per non cadere in truffe, prima di ogni acquisto controlla:

1) Verifica l’identità del venditore

2) Leggi le recensioni di altri acquirenti

3) Controlla se il sito gode di un marchio di fiducia

4) Valuta la presentazione generale del sito

5) Prendi visione dei tuoi diritti sul sito del venditore

6) Osserva bene le foto del prodotto

7) Occhio al prezzo!

8) Controlla sul sito ufficiale del brand la lista dei venditori autorizzati

9) Scegli un mezzo di pagamento sicuro

10) Presta attenzione ai prodotti ricondizionati

Continua a leggere

Consumatori

Contatori del gas, U.Di.Con.: ”Presunta truffa per i consumatori, attendiamo la risposta dell’AGCM”

Pubblicato

il

Roma, 07/11/2018 – “Ciò che è emerso nel servizio andato in onda ieri sera nella trasmissione Le Iene è quanto mai grave e ci mettiamo fin da subito a disposizione degli utenti che volessero segnalarci disfunzioni al loro contatore – scrive in una nota il Presidente Nazionale dell’U.Di.Con. Denis Nesci – stando al servizio di ieri, che fornisce delle prove lampanti rispetto a quello andato in onda qualche giorno prima, alcuni dei nuovi contatori elettronici installati in questi mesi, presenterebbero dei “piccoli problemi” nella rilevazione del passaggio del gas che, stranamente, risulterebbe presente nonostante l’interruzione dello stesso. Un malfunzionamento che automaticamente rischierebbe di far registrare un consumo eccessivo, facendo di fatto lievitare le bollette delle utenze domestiche, il tutto a svantaggio dei consumatori che, la maggior parte delle volte, ignari dell’anomalia, si limiterebbero a comunicare i numeri presenti sul display”.

I nuovi contatori elettronici del gas, installati dai tecnici a partire dallo scorso anno avrebbero dovuto rendere la vita più facile agli utenti, presentando dei vantaggi, tra cui la possibilità di telecontrollo da remoto e quella di realizzare una misurazione più precisa. In questi ultimi giorni si sta apprendendo invece di un malfunzionamento nella misurazione, ma ancora non è possibile capire se è un problema che riguarda tutti i contatori o solo alcuni.

“Sinceramente ci auguriamo che si tratti solo di un difetto di alcuni contatori e che effettivamente non si tratti dell’ennesima truffa a danno dei consumatori anche se, ad ora, non c’è stata alcuna smentita o dichiarazione ufficiale da parte di chi si è occupato della sostituzione dei nuovi contatori.  Abbiamo deciso di scrivere ad ARERA e all’AGCM per far maggiore chiarezza sulle notizie che in queste ore circolano sui media – continua Nesci – laddove le indagini dovessero confermare quanto emerso, ci impegneremo a richiedere la sostituzione gratuita dei contatori a nome dei consumatori interessati. Nel frattempo – conclude Nesci – attendiamo  una risposta dall’AGCM in merito alla nostra segnalazione di  pratica commerciale scorretta a danno degli utenti, chiedendo fin da subito ad ARERA l’istituzione di un tavolo tecnico nelle prossime ore per fare chiarezza sulla vicenda”.

Continua a leggere

Consumatori

Sorgenia lancia la bolletta-video

Pubblicato

il

Da documento fiscale-amministrativo a strumento di relazione fra cliente e fornitore: questa è Nexty, la bolletta-video che rende l’energia più vicina alle persone.

Milano, 5 novembre 2018 – La bolletta diventa più smart grazie a Nexty, una novità per i clienti della prima digital energy company italiana: ogni mese riceveranno una bolletta-video che, oltre a sintetizzare gli aspetti specifici della fornitura di ciascun utente, fornisce consigli su come utilizzare meglio l’energia e racconta esperienze di innovazione al servizio delle persone.

Con uno stile fresco e originale che richiama i colori e il linguaggio di Sorgenia, Nexty è una bolletta personalizzata in cui ciascuno trova un video che descrive quanto ha consumato nel mese, con un confronto con il periodo precedente, quanto ha speso, quanto ha risparmiato, quanta CO2 ha evitato di disperdere in atmosfera, grazie all’energia 100% green fornita da Sorgenia. Ma non solo: in meno di un minuto Nexty integra i contenuti della bolletta tradizionale, sempre consultabile dal video, con temi in grado di interessare, appassionare e ingaggiare gli utenti. Ogni “puntata” è nuova e diversa, con una grafica che si aggiorna mensilmente, seguendo la stagionalità.

Dopo aver semplificato le modalità per diventare cliente, grazie all’utilizzo esclusivo del web, ora Sorgenia rende più piacevole anche la customer experience con uno strumento semplice, veloce, interattivo e orientato allo storytelling.

“Nexty è la prosecuzione ideale del nostro approccio full-digital: siamo partiti dal presupposto che la tecnologia ci offre strumenti straordinari per esplorare nuovi orizzonti e siamo approdati a un tool che rende l’energia più semplice, trasparente, immediata e vicina – dice Gianfilippo Mancini AD di SorgeniaIl nostro obiettivo è rendere questo strumento sempre più personalizzato, capace di rispondere alle esigenze di ciascuno e, perché no, anche un mezzo per appagare la curiosità dei nostri clienti digital, attenti alla sostenibilità e alla continua ricerca di nuovi stimoli”.

 

Continua a leggere