Seguici su

News

Supervulcani: al mondo ne esistono 12 ed uno è proprio sotto di noi

Pubblicato

il

fonte: Visionari.org

Il Supervulcano dei Campi Flegrei è uno dei 12 grandi supervulcani esistenti al mondo, e ora un’equipe di tecnici e scienziati sta portando avanti un progetto di perforazione della sua crosta per comprenderne le dinamiche e sfruttarne le potenzialità geotermiche.

Quando sentiamo pronunciare la parola “vulcano” la nostra mente viene immediatamente ricondotta ad un’immagine ben chiara e distinta: una montagna basaltica, arida di vegetazione, distinta da una conca al suo apice nella quale ribolle energicamente lava ardente con fumarole circostanti.

Il più noto di questi è sicuramente il Vesuvio che, oltre ad essere stato uno dei vulcani più studiati nel XVIII, è rimasto famigerato per la travolgente esplosione che distrusse Pompei nel 79 d.c. e sulla quale poi numerosi registi hanno ricamato molti film. Ancora oggi ci chiediamo se e quando si manifesterà la sua prossima eruzione e quanto la stessa potrà risultare violenta e drammatica per tutti coloro che vivono nelle zone limitrofe.

Tuttavia la potenza eruttiva del Vesuvio e di tutti gli altri vulcani visibili ad occhio nudo è nulla se paragonata a quella dei cosiddetti supervulcani.

Sì, per l’esattezza sulla terra esistono 12 grandi caldere che arrivano ad avere diametri di varie decine di chilometri. I supervulcani più noti sono quelli di Yellowstone negli Stati UnitiLago Toba in Indonesia e Campi Flegrei in Italia. In realtà il termine “supervulcano” è stato coniato dagli autori di un documentario mandato in onda dalla BBC nel 2000, ma non è realmente utilizzato in vulcanologia in quanto “improprio”, visto che tali strutture sono al livello del sottosuolo e quindi non visibili in superficie. Ad ogni modo la scoperta fu proprio il frutto dell’osservazione di depressioni circolari simili a quelle delle normali caldere vulcaniche, ma decisamente più grandi. In particolare si suppone che queste grandi caldere siano generate da un hot spot (punto caldo) situato in profondità sotto di esse.

In sostanza l’eruzione di un supervulcano si genera quando una enorme bolla di magma arriva in superficie e fonde parte della crosta sottostante; quest’ultima si rigonfia per effetto della pressione e comincia a frantumarsi; a quel punto le lacerazioni arrivano alla camera magmatica del vulcano e quindi innescano la risalita dei magmi lungo i vari centri eruttivi fino al collasso del terreno sovrastante.

Struttura di un supervulcano

Per comprendere la reale potenza eruttiva dei supervulcani dobbiamo osservare la scala VEI (“Volcanic Explosivity Index”) che suddivide i vulcani in categorie che vanno da 0 ad 8. Per intenderci l’esplosione del Vesuvio del 79 d.c. è stata classificata con VEI pari a 5, cosiddetta “eruzione pliniana”, con l’emissione di una quantità di materiale superiore ad 1 km cubico. Un supervulcano può arrivare ad un’esplosione classificata con VEI pari a 8, cosiddetta “eruzione mega-colossale”, con l’emissione di una quantità di materiale superiore a 1000 km cubici.

Scala VEI “Volcanic Explosivity Index”

Finora nella storia dell’umanità l’eruzione più violenta, con VEI pari ad 8, è avvenuta circa 600.000 anni fa nel noto parco di Yellowstone con l’emissione 950 km3 di materiale e la più recente, con VEI pari a 7, avvenuta nel 1815 a Tambora, in Indonesia con l’emissione di 120km3 di materiale. Quanto a quest’ultima si riportano numerose testimonianze in tutto il mondo delle conseguenze negli anni a venire: il 1816 è stato ricordato come “L’anno senza estate” nell’emisfero settentrionale del pianeta a causa delle ceneri ed i gas immessi nell’atmosfera che ebbero un effetto intenso sull’ambiente determinando continui alluvioni, temperatura basse e precipitazioni abbondati. Anche in Italia le ripercussioni negative dell’eruzione del Tambora sono ampiamente documentate: la scrittrice Caterina Percoto pubblicò un racconto dal titolo “L’anno della fame”, ma più in generale tutte le cronache del periodo riportano episodi legati all’estrema povertà della popolazione.

Ad oggi la probabilità che avvenga un’eruzione di un supervulcano è pari all’1% nei prossimi 100 anni, ma comunque significativa se commisurata alla relativa magnitudo del danno che potrebbe generare, tale da modificare radicalmente il paesaggio locale e condizionare pesantemente il clima a livello mondiale con effetti cataclismici sul pianeta.

Perforando il supervulcano sotto di noi

Oggetto di particolare dibattito è stato negli ultimi anni il supervulcano dei Campi Flegrei: nel 2008 fu avviato il cosiddetto Deep Drilling Projectcapitanato da Christopher Kilburn, direttore dell’University College of London, con l’intento di avviare delle perforazioni nella zona dei Campi Flegrei per comprendere meglio le dinamiche evolutive del relativo supervulcano. Tuttavia il progetto fu bloccato nell’Ottobre del 2010, dopo meno di un anno dalla sua approvazione, a seguito delle lettere inviate da Benedetto De Vivo, professore all’Università Federico II di Napoli, a tutte le più alte cariche dello Stato, Magistratura ed Autorità locali. In sostanza il professor De Vivo aveva avvisato che, seppur in percentuali contenute, un carotaggio di questo tipo avrebbe potuto determinare un’esplosione idrotermica, un terremoto o ancor peggio un’eruzione con gravi rischi per la popolazione locale e mondiale. In sostanza egli si basava su un “principio di precauzionalità” secondo il quale “se un’attività scientifica non ha una conseguenza certa, allora non deve essere fatta”.

Dopo numerosi dibattiti nel corso degli anni, il sito del DDP è stato riaperto nel Marzo 2017 e prevedrà due perforazioni: una si spingerà fino a 500m di profondità e l’altra fino a 3,5km. Il pozzo servirà per studiare la stratigrafia e la storia eruttiva del vulcano ed in seguito servirà per alloggiare un osservatorio con l’installazione di sensori atti a monitorare in dettaglio la dinamica del vulcano e quindi meglio di quanto sia possibile fare con strumentazione di superficie.

Il Deep Drilling Project è stato anche avallato dall’ICSDP (International Continental Scientific Program— www.icdp-online.org), un programma finanziato da Dipartimenti per la Ricerca di diversi paesi del mondo (tra cui Germania, Francia, Olanda, Belgio, Cina) che promuove e finanzia progetti di perforazione della crosta terrestre al fine di conoscere i processi dinamici che interessano il pianeta.

Questo sostegno al DDP dovrebbe rassicurarci per un verso, ma dall’altro è opportuno evidenziare che, fra “le altre cose”, il progetto si prefigge l’obiettivo di studiare l’eventuale sviluppo della risorsa geotermica del territorio: ricercatori dell’INGV (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia) hanno stimato che la potenzialità dell’area Campi Flegrei e Ischia è pari ad almeno 17GW, equivalente a due centrali nucleari medio-grandi. Al riguardo l’Associazione per lo Sviluppo del Mezzogiorno ha calcolato che queste risorse potrebbero fornire energia ad oltre 10.000 edifici ed attirare investimenti per 2,44mld di euro generando un indotto occupazionale di 15.000 unità.

Possiamo quindi affermare che il DDP sia il frutto di scelte operate per soli fini scientifici? Fino a che punto gli interessi economici possono influenzare le scelte scientifiche? Il drammaturgo greco Eschilo vissuto nel IV secolo a.C. soleva ripetere un concetto molto chiaro in tutte le sue opere: la catastrofe della vita dell’uomo è effetto della sua hybris (“tracotanza”, “superbia”), intesa come superamento del limite consentito. Lo diceva Eschilo più di 2000 anni fa e forse l’uomo non ha ancora imparato.


Fonti: ICDP , INGV CFDDPBBCUnione Geotermica.


VISIONARI è un network di imprenditori, scienziati, artisti, scrittori e changemakers che pensano e agiscono al di fuori degli schemi.
Puoi fare domanda per entrare qui: https://bit.ly/visionari-entra

Seguici sulla nostra pagina Facebook per scoprire nuovi progetti innovativi:
Visionari

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

News

Diamanti da investimento | Le banche fanno ostruzionismo

Pubblicato

il

Codici: ostruzionismo da parte delle banche affossa la conciliazione

I cittadini possono continuare ad aderire all’azione di classe

Ad oggi la situazione sui diamanti da investimento è la seguente: dopo vari incontri con le società IDB e DPI, ai quali le banche non si sono mai presentate, pur avendo collocato i diamanti da investimento presso le proprie filiali ai propri risparmiatori, ha avuto luogo un progressivo smarcamento di alcune di esse, come Intesa San Paolo, MPS e Unicredit che hanno deciso di rimborsare in toto la cifra pagata dai propri clienti; mentre UBI Banca e Banca Popolare di Milano continuano a respingere tutte le richieste avanzate durante la trattativa intercorsa tra Associazioni di Consumatori e le stesse aziende IDB e DPI, affossando in questo modo ogni tentativo di conciliazione.

Ricordiamo però che, queste banche sono comunque responsabili di una vendita con percentuali ben al di sopra dei valori di mercato dei preziosi.

“Per Codici, l’atteggiamento ostruzionista da parte di queste banche è scandaloso e perciò continueremo con la nostra azione di classe, a costo zero per i cittadini, contro le banche che osteggiano qualsivoglia tentativo di risoluzione. Non ci fermeremo finché la richiesta dei danni subiti non troverà un giusto risarcimento” – afferma Davide Zanon – Segretario Regionale di Codici Lombardia.

Ricordiamo la sanzione da parte dell’Antitrust che ha accertato che gli istituti di credito che operavano con queste società, inducevano i risparmiatori a diversificare i propri investimenti acquistando diamanti come bene di rifugio, ingannandoli.

Il ruolo degli istituti bancari ha facilitato l’acquisto da parte dei consumatori che, seguendo quanto suggeriva il personale bancario, hanno ritenuto credibili le informazioni proposte dalle due società di investimento. Il consumatore, fidandosi e affidandosi ai consigli della propria banca, ha acquistato senza accertarsi ulteriormente.

Pertanto Codici continua a sostenere i cittadini che possono continuare ad aderire alla azione di classe promossa da Codici andando su questo link https://goo.gl/WthCYs o contattandoci attraverso i seguenti canali: telefono 06.5571996 oppure via mail scrivendo a segreteria.sportello@codici.org.

Ufficio Stampa Associazione CODICI

Continua a leggere

News

Telemarketing prodotti finanziari – stalkerizzato rappresentante dei consumatori

Pubblicato

il

Come difendervi per non essere truffati – Codici: attenzione potreste cadere nella morsa della ludopatia finanziaria

Luigi Gabriele di CODICI per aver dato il proprio benestare all’utilizzo del numero di telefono per finalità commerciali, dovuto al fatto di potersi registrare con un account e poter accedere così ad una rete wifi aperta, è finito anch’esso in un girone infernale di chiamate indesiderate senza fine.

Ecco una chiamata tipo:

Operatore: Salve la chiamo per darle il benvenuto sul sito dove ha fatto la registrazione per gli investimenti finanziari.

Consumatore: guardi io non ho fatto nessuna registrazione.

Operatore: a noi risulta che lei si è registrato. Comunque volevo darle il benvenuto e passarle un consulente per spiegarle come fare.

E da questo momento in poi inizia una vera e propria tragedia che può portare fino a 20 chiamate al giorno, da Londra, Malta, Est Europa e varie località italiane.

Obiettivo: farti investire del denaro con dei meccanismi decisamente pericolosi, che possono portare l’utente ad una vera e propria Ludopatia da investimento finanziario.

Nonostante in questo periodo si senta parlare spesso  di educazione finanziaria, in Italia sono ben 18 milioni gli analfabeti funzionali, cioè persone che in questo caso, non sono in grado di comprendere prodotti finanziari complessi, ma che nonostante ciò, vengono attratti da facili guadagni ed attirati nella rete di millantatori che attraverso la richiesta di un investimento irrisorio, truffano le persone.

Attenzione questa volta non si tratta di una vera e propria truffa, ma della proposta rivolta a chiunque di investire in un’attività (il trading) ad altissima rischiosità per i consumatori. Investimento minimo richiesto 250€.

Il rischio è soprattutto per coloro che hanno già un’alta propensione al gioco on line o ludopatici.

“Sono almeno un paio di anni che avviene questo tipo di contatto da parte di siti con sede estera (soprattutto Londra). L’anno scorso avvisai la Consob, la quale non ha ancora diramato allarmi o messo in condizione i consumatori di capire bene di che cosa si tratta” – afferma Luigi Gabriele di Codici.

La pericolosità sta nella forte attrattiva che esercitano: guadagni facili comodamente da casa, ma il livello di aggressività per convincere è elevato: telefonate continue ed email di benvenuto che indicano chiaramente tutti i passi da fare per erogare i 250€ e mettersi in contatto con il supporto per il collegamento dell’algoritmo sul conto, a cui segue: “L’aspettiamo al più presto, prima che il programma diventi a pagamento, con un costo di almeno 3’500 sterline per la singola attivazione”.

Il prodotto offerto è sostanzialmente un investimento in forex, trattasi di speculazione su prodotti finanziari derivati.

La tipologia di vendita attuata è quella della doppia chiamata su fisso o cellulare con la finalità di apertura di un conto, non bancario, per fare trading su piattaforme informatiche ed effettuare investimenti rischiosi.

Come sempre avviene, l’acquisizione dei  dati si ha tramite banche dati, social network e/o cessione del consenso dei dati per finalità di marketing.

Modalità di contatto: prima chiamata con la scusa che ci siamo noi registrati al loro sito, ma in realtà è per convincervi e stimolare il vostro interesse ad investire, seconda chiamata, stavolta dall’estero, per parlare con un venditore che vi spiega la modalità di investimento sui FOREX.

Arriverà poi una email con su scritto: “E’ da diversi giorni che abbiamo iniziato la nostra collaborazione insieme, e sono lieto di farle sapere che il suo conto sta già cominciando a crescere. Ovviamente, dovremo aspettare ancora un pochino prima di riuscire a superare la soglia di almeno 50%, ma siamo su un’ottima strada. Passo dopo passo, stiamo approcciando l’obiettivo che ci siamo posti”.

Cosa sono i FOREX?

Forex è la comune abbreviazione per foreign exchange, e viene utilizzato per descrivere il trading sulle valute o il trading sul mercato delle valute estere. Quindi sono prodotti derivati, ovvero costruzioni di ingegneria finanziaria.

Cosa fa il soggetto intermediario, cioè colui che vi chiama? Mette a disposizione un programma per computer (o piattaforma) che, attraverso la connessione ad Internet, permette di visualizzare i titoli presenti su numerosi mercati borsistici italiani ed esteri, e di acquistarli e venderli nel giro di pochi centesimi di secondo. Queste società sono chiamate “broker online” (intermediari digitali) e chiedono una commissione su ogni ordine di acquisto e di vendita inviato in Borsa.

Come funziona e perché stare attenti a questa vendita aggressiva e pericolosa?

Con il grande interesse generato dal tema #BITCOIN e cripto valute, grazie alla loro forte ascesa, questo tipo di telemarketing ha avuto un grande exploit. Basti notare come appaiono sempre più spesso sui social network banner pubblicitari che richiamano investimenti e guadagni facili, anche con piccole somme.

L’obiettivo di questa strategia è farvi aprire un conto-investimento a cui agganciare una carta di credito, anche ricaricabile, e poi portarvi a “TRADARE” (comprare o vendere) prodotti finanziari complessi, sotto la vostra diretta e unica responsabilità, sia in caso di vincite che di perdite.

“Tradare” significa investire in forme di investimento molto rischiose e pericolose. Quasi tutte si basano su investimenti in valute o in prodotti derivati, quindi esclusivamente finanziari, nulla che abbia un contenuto in azioni, titoli o investimenti più solidi.

“Si tratta di investimenti ad alto rischio, insomma, pertanto se non avete alcuna conoscenza di questi prodotti state alla larga” – afferma Luigi Gabriele di Codici.

Prodotti rischiosissimi, nei quali possono investire solo i consumatori che si siano sottoposti alla verifica del profilo di rischio, attraverso la comparazione della propria capacità economica e della consapevolezza al rischio d’investimento.

Per non ricevere più telefonate moleste iscrivetevi al registro delle opposizioni (http://www.registrodelleopposizioni.it/) e potrete in queste modo tutelare nell’immediato il vostro numero fisso,  a breve anche il numero di cellulare.

Inoltre potete bloccare il numero attraverso il “blocca numero” del vostro cellulare ed iscriverlo così sulla lista nera del registro chiamate.

Nel caso siate stati contattati o siate interessati vi consigliamo di:

1) Non investire se non si sa in che cosa consiste;

2) Non fare prove di nessun tipo nemmeno se effettuate con plafond virtuali;

3) Non diffondere dati bancari o di carte di credito personali;

4) Rivolgervi a Codici Associazione Consumatori per chiarimenti o dubbi.

E soprattutto non fate i fessi, i guadagni facili non esistono!

Per dubbi o problemi scrivere a: segreteria.sportello@codici.org o chiamare allo 06.5571996.

Continua a leggere

News

Conguagli/prescrizione energia e gas  NUOVE NORME IN VIGORE

Pubblicato

il

Dal 1° marzo nuove norme: obbligo per gli operatori di avvisare i consumatori

Codici: i consumi oltre i due anni non sono da pagare

Dal 1° marzo 2018, è obbligatorio per i venditori di energia elettrica riportare in tutte le bollette emesse fino al 31 dicembre 2018 nei confronti dei clienti finali alimentati in bassa tensione, tale comunicazione (ai sensi dell’art. 10.3 dell’Allegato A alla deliberazione 501/2014/R/com di ARERA):

“A partire dal 1° marzo 2018, qualora Ella riceva una fattura contenente importi per consumi riferiti a periodi trascorsi da almeno due anni, può contestarli e non pagarli, in applicazione della Legge di Bilancio 2018 (Legge n. 205/17).  Il Suo venditore ha l’obbligo, contestualmente a tale fattura e comunque almeno 10 giorni prima della scadenza del pagamento, di informarLa per agevolarLa nell’esercizio di questa facoltà. Per ulteriori informazioni  chiami il numero verde dello Sportello dell’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA) 800 166 654”.

 

Pertanto qualora il consumatore si veda addebitato in bolletta un conguaglio ultrabiennale, sappia che deve seguire la procedura qui di seguito per contestare la fattura:

  • – Controllare la bolletta: periodo di riferimento e consumi per verificare che ci sia congruenza tra ciò che segna il contatore e ciò che viene indicato in bolletta
  • – Inviare un reclamo scritto al proprio operatore attraverso raccomandata con ricevuta di ritorno
  • – Aspettare una risposta da quest’ultimo che dovrà pervenire entro, e non oltre 50 giorni
  • – Trascorsi i quali, qualora la risposta non sia pervenuta o venga ritenuta insoddisfacente, si andrà in conciliazione online
  • – A questo punto o il problema si risolve attraverso la conciliazione online, quindi attraverso la risoluzione stragiudiziale presso l’Autorità dell’energia, passaggio obbligatorio prima di adire le vie giudiziarie, e solo successivamente se non si raggiunge l’accordo o non si è soddisfatti di quello raggiunto, si andrà davanti al Giudice di Pace, che però ha un costo e tempi ben più lunghi.

 

Ovviamente per una questione di efficacia nell’esporre il reclamo e per riuscire ad ottenere il massimo soddisfacimento in conciliazione, è preferibile rivolgersi a Codici ed ai nostri esperti energia.

 

Per problemi  con conguagli e bollette di varia natura, il cittadino può rivolgersi all’Associazione Codici ai seguenti recapiti: 06.5571996 oppure recarsi allo sportello fisico di Via G.Belluzzo, 1 a Roma dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 13.00 e dalle ore 14.00 alle ore 17.00.

Potete anche inviare un reclamo al seguente link: http://codici.org/energia.html

 

Elenco sportelli Energia e Gas riconosciuti dall’Autorità dell’energia

 

Codici Roma – Via Belluzzo 1, tel. 06-5571996 segreteria.sportello@codici.org
Codici Milano – Via bezzeca 3 , tel. 02-36503438 codici.lombardia@codici.org
Codici Catania – Via Caronda, 14 95129, tel./fax 095.2180387 codici.catania@codici.org
Codici Frosinone- via Brighindi 26, tel. 0775 1881564 sportello.frosinone@codici.org

Pescara -Via Carlo Alberto dalla Chiesa 15, tel. 085-77211 codici.abruzzo@codici.org

 

Continua a leggere