Con gli annunciati tagli alla sanità, si fa l’ennesimo favore alla classe medica, però questa volta raddoppiano.

 C’è una associazione di interessi tra un Governo di “sinistra “  , che privatizza la sanità, e la categoria dei medici, che è la maggiore responsabile dello sfacelo del SSN,  che interagiscono in un imbarazzante gioco delle parti. Il Governo annuncia una rivoluzione da operetta e in cambio offre già nuovi contratti e la licenza di uccidere.

I così detti esami inutili continueranno ad essere prescritti ma saranno pagati direttamente dal cittadino: ecco quale sarà il risultato di questa nuova rivoluzione. E’ nota la tecnica del medico di allarmare il paziente per costringerlo a fare una serie di visite ed esami costosi che finiscono nelle tasche di amici e studi convenzionati che vengono “consigliati”.  Il fatto è noto ma nessuno ne parla, si preferisce parlare di medicina difensiva .

Il degrado del SSN porta oggi quasi un italiano su due a  rinunciare a spese mediche per mancanza di soldi e questa percentuale è ancora maggiore (arriva a sei su dieci) nelle famiglie che hanno un reddito basso. Il SSN già non esiste più, perché o hai la possibilità di curarti con le tue risorse  o non puoi aspettare i tempi gonfiati di attesa per le visite e gli esami.

“L’annunciato sciopero dei medici è un Imbarazzante uso strumentale del malato da parte della categoria che ancora oggi si erge a difensore del Servizio sanitario Pubblico.”

Dice Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici  “Ma è una pantomima già vista, infatti hanno già messo in campo la contropartita che riceveranno per far passare la nuova linea di tagli : rinnovo dei contratti e delle convenzioni, e di una rapida approvazione della legge sulla  “licenza di uccidere” dei medici, tema del quale abbiamo parlato tante volte anche recentemente.”

Questo è il bel paese dei poveri cittadini. Mai come in questo caso possiamo dire : “cornuti e mazziati”.