L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha avviato, a seguito di una segnalazione della società Mytaxi Italia S.r.l,  due procedimenti istruttori per possibile violazione degli articoli 101 TFUE o 2 della legge 287/90 (divieto di intese restrittive della concorrenza), nei confronti delle principali società di gestione del servizio radio taxi a Roma:  Radiotaxi 3570 Soc. Coop., Cooperativa Pronto Taxi 6645 S.c., Samarcanda S.c., ed a Milano: Taxiblu S.c., Yellow Tax Multiservice S.r.l., Autoradiotassi Soc. Coop..
Entrambi i procedimenti riguardano le clausole di esclusiva contenute negli atti che regolano i rapporti tra le società di gestione del servizio di radio taxi e i tassisti soci/aderenti. Tali clausole, ove applicate ad una percentuale maggioritaria dei tassisti in un dato ambito territoriale (come accade a Roma e Milano), appaiono idonee ad ostacolare, se non ad impedire, l’utilizzo simultaneo da parte dei singoli tassisti di vari intermediari per la fornitura di servizi di raccolta e smistamento della domanda del servizio taxi, ed in particolare ad ostacolare o rallentare l’ingresso nel mercato di nuovi operatori che offrono servizi innovativi di questo tipo (come l’applicazione per smartphone e tablet gestita da Mytaxi Italia S.r.l., che mette direttamente in contatto l’utenza e i tassisti e offre anche un servizio di rating dell’offerta)
Nella giornata di oggi i funzionari dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, con l’ausilio del Nucleo Speciale Antitrust della Guardia di Finanza, hanno eseguito una serie di ispezioni nelle sedi delle società interessate, parti del procedimento, ritenute in possesso di elementi utili ai fini dell’accertamento, oltre che nella sede di ***Unione dei Radiotaxi d’Italia – URI***,  associazione nazionale dei gestori di radiotaxi.

Roma, 24 gennaio 2017

 

 

Avviati dall’Antitrust due procedimenti sulle clausole che regolano i rapporti tra le società di gestione del servizio di radio taxi e i tassisti soci/aderenti. Queste clausole appaiono atte ad ostacolare l’ingresso nel mercato di nuovi operatori che offrono servizi, come le applicazioni per smartphone e tablet che mettono direttamente in contatto l’utenza e i tassisti.

Codici da sempre chiede modifiche radicali e liberalizzazione del servizio, perché essendo un servizio pubblico e di pubblica utilità, i cittadini hanno tutti i diritti di poter scegliere tra la migliore offerta disponibile.

A proposito di radio taxi, vi sarà capitato di esaurire il credito telefonico in attesa che la vostra richiesta venisse smistata, soprattutto nei giorni festivi.

E’ per questo che Codici vede di buon occhio l’ingresso di vari intermediari per la fornitura di servizi di raccolta e smistamento della domanda del servizio taxi, che offrano al cittadino – consumatore un servizio efficiente.