Assoutenti sottolinea l’importanza dell’azione del Garante per la tutela dei dati personali per contrastare i fenomeni di telemarketing selvaggio e delle offerte promozionali indesiderate. Il sito dell’Autorità dà conto di sanzioni per complessivi 800mila euro a carico di Fastweb, Consodata e Edipro per aver continuato ad utilizzare per lo svolgimento di attività promozionali banche dati acquisite illegittimamente, in quanto sprovviste del consenso degli interessati, nonostante le precedenti diffide dell’Autorità.

I successivi controlli hanno infatti permesso di verificare che tali banche dati (di particolare rilevanza o dimensioni) sono state impiegate per contattare milioni di utenti. (Per maggiori approfondimenti leggi questo articolo)

Sanzioni per importi minori sono state deliberate nei confronti di molte altre aziende, anche di piccole dimensioni, per invio di comunicazioni promozionali (telefoniche, via fax o email) senza il consenso dei diretti interessati (clicca qui).

Da segnalare infine i provvedimenti nei confronti di due operatori (Aruba ed Evolution chirurgia estetica), responsabili di “imporre” il consenso al trattamento dei dati personali a coloro che volevano stipulare un contratto per l’acquisto di un bene o servizio (su quest’ultimo argomento leggi questo articolo)