 Dopo due anni di calo, nel 2014 il traffico aereo da e verso gli scali nazionali ha segnato una significativa ripresa rispetto all’anno precedente. I passeggeri sono aumentati del 4,7%, le merci e la posta del 6,2%, i movimenti di aeromobili dell’1,2%. I passeggeri trasportati su voli di linea aumentano complessivamente del 5,2%; l’incremento è più contenuto per i voli nazionali (2,6%) rispetto a quello registrato per i voli internazionali (6,9%). I passeggeri sui voli charter diminuiscono del 6,6%, con un aumento nei voli nazionali (+35,9%) e un calo in quelli internazionali (-9,1%).

 Gli aeroporti che registrano i maggiori aumenti di passeggeri rispetto all’anno precedente sono Catania (+14,4%, +916mila passeggeri), Firenze (+13,6%, +268mila) e Lamezia Terme (+10,5%, +229mila); quelli con i maggiori cali sono Trapani (-14,9%, -280mila), Rimini (-15,7%, -87mila) e Cuneo (-18,7%, -53mila).

 Continua a diminuire l’utilizzo dei vettori nazionali da parte dei passeggeri arrivati e partiti negli aeroporti italiani: la relativa quota è scesa tra il 2009 e il 2014 dal 44,1% al 30,8%.

 Il 48,5% dei passeggeri utilizza voli low cost (46,4% nel 2013), quota che scende al 15% se si considerano solo le linee aeree italiane (17% nel 2013).

 Come nel 2013, l’Italia si colloca al quinto posto per quota di passeggeri trasportati sul totale Ue (9,2%), dopo Regno Unito (16,7%), Germania (14,2%), Spagna (12,5%) e Francia (10,8%).

 L’aumento del trasporto di merci e posta, pari al 6,2%, è la sintesi di un aumento sia dei trasporti nazionali (+9,8%) sia di quelli internazionali (+5,8%).

 I movimenti di merci per area geografica registrano incrementi con il Centro-America (+64,5%), l’Africa (+39,2%), il Nord-America (+10,9%) e con i Paesi Ue (+2,2%); risultano, invece, in diminuzione quelli con il Sud-America (-8,6%).

 Movimento passeggeri in aumento in quasi tutti gli aeroporti italiani

Nel 2014, nel complesso degli aeroporti italiani sono transitati circa 150,5 milioni di passeggeri, di cui 38,3 milioni nell’aeroporto di Roma Fiumicino, 18,7 milioni a Milano Malpensa e circa 9 milioni a Milano Linate (Prospetto 3).

L’aumento di passeggeri in arrivo e in partenza registrato nel 2014 sul 2013 ha riguardato più della metà dei principali nodi aeroportuali, in particolare Catania (+14,4%), Firenze (+13,6%), Lamezia Terme (+10,5%) e Napoli (+9,6 %); le maggiori diminuzioni si registrano invece a Cuneo (-18,7%), Rimini (-15,7%), Trapani (-14,9%) e Trieste (-13,2%).

La crescita del numero passeggeri da e per Catania è soprattutto dovuta ai voli internazionali (+34%), ma la tendenza è positiva anche per quelli nazionali (+8,1%).

Anche per l’aeroporto di Firenze l’aumento complessivo (+13,6%) è sintesi di un risultato positivo sia della componente nazionale (+14,2%) sia di quella internazionale (+13,5%).

Considerando tutti gli aeroporti, l’incremento più marcato del numero di passeggeri su voli nazionali si registra per Treviso (+45,3%); le maggiori riduzioni riguardano Rimini (-95,2%), Venezia (-19,6%), Cuneo e Trieste (per entrambi -12,3%).

Nell’ambito dei voli internazionali, aumenti consistenti a Catania (+34%), Napoli (+18,4%) e Torino (+15,8%); cali soprattutto a Lampedusa (-78,9%), Trapani (-25,1%) e Cuneo (-23,6%).

Sul datawarehouse I.Stat sono disponibili dati di maggior dettaglio relativi al trasporto aereo in Italia.