Con l’avvio della campagna di vaccinazione antinfluenzale è urgente ricostruire il rapporto di fiducia dei cittadini con i medici di famiglia e con le istituzioni sanitarie dopo l’esperienza dell’anno scorso. Un’esperienza caratterizzata da errori, allarmi, silenzi e da una gestione inadeguata, o meglio impacciata, da parte delle autorità sanitarie.

Per  superare la disinformazione e la cattiva gestione della passata campagna vaccinale Federconsumatori chiede di:

– Rispettare  le norme previste per la catena del freddo  che assicurano l’efficacia dei vaccini: il vaccino è efficace se viene mantenuta la temperatura tra i 2 e gli 8 gradi.

– Garantire  che il medico fornisca le informazioni  corrette al  paziente  e che il paziente dia il consenso  consapevole, che va reso per iscritto.

– Predisporre controlli e verifiche sulla applicazione di norme e regole.

– Fornire con sollecitudine informazioni  e aggiornamenti  sulla efficacia del vaccino, eventuali effetti collaterali e reazioni avverse.

Infine Federconsumatori chiede di fare immediatamente chiarezza sul Piano Nazionale vaccinazioni 2016-18 e smentire con urgenza le eventuali manovre  tese a rendere obbligatori vaccini fino ad ora non obbligatori e ad aumentare, fino a raddoppiare, la spesa annuale per i vaccini.