Dopo la proiezione in anteprima europea del film “Vaxxed: il film che non vogliono che tu veda” ieri al Quirinetta di Roma, il controverso documentario sui vaccini realizzato da Andrew Wakefield e distribuito in Italia da Wanted Cinema, sarà inviato oggi stesso dal Codacons all’Autorità Anticorruzione e alla Procura della Repubblica di Torino, che già indaga sul vaccino esavalente a seguito di esposto Codacons.

“Il nostro scopo non è certo avallare la tesi di un possibile legame tra il vaccino somministrato in America e l’autismo, né quello di sollevare dubbi sull’utilità della vaccinazione, che nei bambini è e resta indispensabile – spiega il presidente Carlo Rienzi – Riteniamo però che il film possa essere un ulteriore spunto per indagare sulla prassi italiana di somministrare ai bambini il vaccino pediatrico in soluzione esavalente, quando la legge individua solo 4 vaccini come obbligatori. L’ Anac e la Procura di Torino devono accertare perché in Italia le famiglie non abbiano alcuna libertà di scelta e non possano somministrare i singoli vaccini ai propri figli limitandosi a quelli obbligatori, ma siano costretti a ricorrere all’esavalente, che contiene anche due vaccini facoltativi, con una maggiore spesa per il SSN di 114 milioni di euro annui e danni per la collettività”.

Intanto, dopo il successo di pubblico registrato ieri a Roma per la prima proiezione al pubblico del film “Vaxxed”, il documentario sbarca stasera a Firenze (ore 21.30 Firenze SpazioUno), il 21 ottobre ore 21.30 Cava de’ Tirreni (Salerno) Cinema Alambra, 22 ottobre Cinema AncheCinema Bari, 27 ottobre Milano cineWanted.

A tali proiezioni seguirà un dibattito che vedrà la partecipazione del Codacons.