Seguici su

News

Vaccini & Genitori separati litigiosi, saranno i giudici a decidere se il bambino deve vaccinarsi

Pubblicato

il

Codici:  Giudice del Tribunale di Milano decide che saranno i servizi sociali ad occuparsi delle vaccinazioni e della salute di un bimbo, nonostante il padre fosse favorevole

Esporiazione della potestà genitoriale paterna

 

Il tema vaccini ha scaturito nella collettività reazioni talmente contrastanti da costringere il Governo ad intervenire con un decreto ministeriale, ma quando questi contrasti si verificano poi all’interno di una famiglia con due genitori separati, ecco che le soluzioni che possono prospettarsi sono rovinose.

Il Tribunale di Milano ha infatti deciso che, un bambino di 4 anni figlio di separati, di cui la madre contraria da sempre ai vaccini, nonostante il padre fosse favorevole, alla fine in seguito al decreto divenuto legge rendendoli obbligatori, saranno i servizi sociali a doversi occupare della salute del bimbo.

Fatto gravissimo è che la donna sia riuscita ad imporre la sua volontà nel tempo, non facendo vaccinare il bambino, denunciando il marito (denuncia poi archiviata) per presunte molestie sul piccolo, inoltre ha poi causato delle deficienze vitaminiche allo stesso imponendogli una dieta vegana.

Siamo di fronte ad un altro caso di insensata violazione del volere e della potestà genitoriale paterna a danno di questo bimbo di 4 anni, che a causa della madre e delle decisioni del giudice che impongono ciò che il padre aveva sempre sostenuto, ignorandolo, si ritrova ad oggi “affidato” ai servizi sociali, i quali decideranno non solo sulla salute del bimbo, perché a quanto pare il padre non sarebbe in grado di occuparsene, ma assumeranno le decisioni anche in merito all’istruzione ed educazione del piccolo.

Ricordiamo che nel nostro ordinamento la famiglia è sacra nel senso che lo Stato dovrebbe interferire il meno possibile, se non per tutelarla invece che per sgretolarla.

Nel caso di specie invece il padre è stato espropriato della potestà genitoriale, ancora una volta a testimoniare come l’orientamento dei giudici in Italia sia palesemente sbilanciato verso le madri, perché il figlio è ritenuto proprietà esclusiva di quest’ultima.

Queste decisioni sono una palese violazione della bigenitorialità e del diritto anche del padre di prendere decisioni fondamentali in merito ai figli, ci chiediamo perché, se il giudice ha deciso di far applicare la legge, non ha “affidato” il bambino al padre che da sempre voleva vaccinare il bambino e gli è stato impedito attraverso l’accusa più infamante per un padre, ovvero quella di aver molestato il figlio.

In Italia sussiste un palese abuso della espropriazione della potestà genitoriale del padre contro cui Codici si batte da sempre, anche attraverso le nostre campagne e la petizione per chiedere di rendere noti i dati statistici sugli affidamenti dei minori, tra cui le percentuali di collocamento (prevalente) presso la madre in regime di affido condiviso oppure presso il padre. Per avere un quadro della situazione in merito, firmate la nostra petizione al link sottostante:

http://codici.org/home/petizioni/affidamenti-dei-minori-codici-si-rendano-pubblici-i-dati-statistici.html

Rimaniamo inoltre a disposizione per le vostre segnalazioni ai seguenti link:

http://codici.org/voglio-papa.html

http://codici.org/le-rubriche/legalita/codici-campagna-voglio-papa-la-via-europea-alla-giustizia-dei-padri.html

http://codici.org/component/k2/codici-denuncia-la-distorsione-delle-consulenze-tecniche-in-tema-di-separazione-dei-genitori-ed-affidamento-dei-figli-e-i-suggerimenti-degli-studi-legali-il-consiglio-superiore-della-magistratura-intervenga.html

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

News

Rc auto: polizze negli ultimi 5 anni più care del 23,3%. Ancora elevato il divario Nord/Sud

Pubblicato

il

L’Ivass rende noti oggi i dati relativi all’andamento delle polizze rc auto nel 2018.

Secondo l’Autorità, negli ultimi 5 anni il prezzo medio della rc auto sarebbe sceso del 19,5%. Un dato decisamente lontano dalla realtà che emerge dalle nostre rilevazioni: secondo il monitoraggio dell’O.N.F. – Osservatorio Nazionale Federconsumatori, che da oltre 10 anni rileva annualmente i costi delle polizze rc auto nelle principali città italiane (sia nei piccoli che nei grandi centri), dal 2013 al 2018 l’aumento è stato di 132,75 Euro annui, pari al +23,3%.

Per un veicolo di cilindrata 1.200, il costo medio delle polizze nel 2018 risulta pari a di 731,34 Euro annui (per un 50enne in 1 classe).

Nonostante la nota dell’Ivass indichi come si sia ridotto il differenziale tra la provincia di più alto costo e quella con il costo più basso, a noi risultano ancora importanti differenze nelle polizze: basti pensare che i costi applicati al Nord sono meno cari del 53% rispetto a quelli del Sud; mentre quelli del Centro sono meno cari rispetto al Sud del 35%.

Ci auguriamo sia solo questione di tempo prima che la maggiore concorrenza affermata dall’IVASS dia i suoi frutti, azzerando completamente questo intollerabile divario: da troppi anni, infatti, gli automobilisti al Sud sono vessati da tariffe ingiustificabili, che incidono in maniera pesante sulle proprie condizioni di vita. È importante rilevare, inoltre, come i costi delle polizze rc auto in Italia siano ancora elevati rispetto alla media europea. Sarebbe importante, in tal senso, un intervento del Governo per riformare il settore all’insegna dell’equità e della competitività.

Continua a leggere

News

MERCATONE UNO Adiconsum ha incontrato il Viceministro dello Sviluppo Economico, Dario Galli.

Pubblicato

il

nella foto da Sx: Luigi Gabriele (Public Affairs Adiconsum), Andrea Di Palma (Segretario Nazionale Adiconsum), Dario Galli (Viceministro Mise) e Carlo De Masi (Presidente Adiconsum)

Adiconsum al Viceministro:
tutelare anche i circa 20.000 consumatori coinvolti nella vicenda,
adottando le soluzioni stragiudiziali più opportune
20 giugno 2019
 – Si è svolto oggi presso il Ministero dello Sviluppo Economico, l’incontro chiesto da Adiconsum in merito alla vicenda Mercatone Uno, che vede coinvolti circa 20.000 consumatori.

Nell’incontro, svoltosi in un clima di cordialità e di ascolto e tenutosi alla presenza, per il Mise, del Viceministro Dario Galli, il Presidente di Adiconsum nazionale, Carlo De Masi, si è fatto portavoce delle preoccupazioni dei consumatori che si sono rivolti alle sedi territoriali dell’Associazione.

Essi, infatti, pur avendo saldato o versato un acconto a Mercatone Uno non hanno ricevuto la merce; inoltre, ai sensi della procedura fallimentare, risultano essere iscritti sì come creditori, ma chirografari, gli ultimi cioè nella lista dei creditori, senza avere la certezza di ottenere un eventuale ristoro.

Pertanto, Adiconsum ha chiesto al Viceministro l’apertura di un tavolo per la ricerca di soluzioni stragiudiziali che permettano di offrire un ristoro ai consumatori, auspicabilmente senza dover ricorrere ai costi elevati e ai tempi lunghi della giustizia ordinaria, a cominciare da quelle famiglie che versano in situazioni di grave disagio economico. 

Continua a leggere

News

Economia Circolare, ecco i 140 nuovi bimbi eroi SalvaPianeta

Pubblicato

il

ECONOMIA CIRCOLARE

Progetto “CresciAMO Circolare” di Adiconsum,
in collaborazione con Eni, CONOE, HortoMio e Sfera Agricola

Incontro con la Scuola dell’infanzia “Falcone e Borsellino”
Nominati oggi altri 140 bambini “supereroi del pianeta
20 giugno 2019 – Si è svolto oggi, giovedì 20 giugno 2019, l’incontro con i bambini della Scuola dell’Infanzia “Falcone  e Borsellino” di Roma.

L’incontro, che rientra nel percorso individuato dal progetto ADICONSUM   “CresciAMO Circolare”, con il sostegno di Eni e la partnership del Consorzio per la raccolta degli oli esausti CONOE, della società HortoMio e di Sfera Agricola, ha portato alla nomina di altri 140 bambini  “supereroi del pianeta”, oltre ai primi 100 nominati per le IV classi nell’incontro del 29 maggio scorso.

Nell’incontro di oggi, Adiconsum ha insegnato ai bambini dai 3 ai 5 anni come ridurre i rifiuti e come fare la raccolta differenziata, toccando tutte le varie sfaccettature che questa operazione richiede: dal conferimento degli abiti usati e difettati all’umido, al rifiuto secco, alla plastica, agli olii esausti.

Con questo progetto, ci poniamo l’obiettivo di insegnare ai bambini l’importanza della raccolta differenziata per la costruzione di un’economia circolare per vivere in un mondo più pulito e meno inquinato.

Per queste delicate tematiche, Adiconsum sta chiedendo da tempo ai decisori nazionali e agli enti locali di gestire in maniera integrata e circolare i rifiuti di ogni tipologia.

Continua a leggere