Roma, 6 maggio 2016. Un euro in piu’ al mese. Abbiamo fatto il calcolo di quanto potrebbero aumentare le pensioni sotto i mille euro dal risparmio ottenuto con la riduzione degli attuali vitalizi parlamentari, proposta dal presidente dell’Inps, Tito Boeri, nel corso della audizione presso la Camera dei Deputati. Il calcolo e’ semplice: sono 6 milioni i pensionati con meno di mille euro al mese e 76 milioni il risparmio ottenuto tagliando del 40% i vitalizi. I pensionati ringraziano Boeri per la grande generosita’.
Vediamo altre amenita’.
1. Il sistema dei vitalizi parlamentari e’ insostenibile, dichiara Boeri ma dimentica che i vitalizi non fanno parte del bilancio dell’Inps. L’Inps ha un buco di 11,5 miliardi, previsto nel 2016, che nulla ha a che vedere con i vitalizi.
2. I 193 milioni dei vitalizi dei parlamentari incidono per lo 0,02% sulla spesa pubblica italiana, che ammonta a 838 miliardi di euro, mentre i 261 miliardi di spesa previdenziale (anno 2015) ne rappresentano il 31%! Ricordiamo che, alcuni giorni fa, il Consiglio di indirizzo e vigilanza dell’Inps ha bocciato la nota di variazione di bilancio del 2016, per mancanza di informazioni, per l’assenza di criteri di investimento e per mancato controllo della posizione debitoria degli enti pubblici verso l’Inps.
3. Si invoca il calcolo contributivo per i vitalizi dimenticando che questo e’ gia’ attivo fin dal 2012. Se si vuole attuare il principio del calcolo contributivo (tanto versi tanto riceverai) ai passati vitalizi, allora occorre farlo anche per le passate pensioni, che per il 90% sono retributive (calcolate all’80% sugli ultimi stipendi). E’ questo il risultato che Boeri vuole raggiungere? Tagliare le attuali pensioni del 40%? Mah!

Primo Mastrantoni, segretario Aduc