Seguici su

News

Votazioni: arriva la scheda con tagliando antifrode

Pubblicato

il

fonte: labparlamento.it

Previsto dal Rosatellum. Al Ministero dell’Interno il compito dell’applicazione concreta. Presidenti di seggio preoccupati per tempi e gestione. Rappresentanti di lista pronti a dare battaglia

di Stefano Bruni

L’ennesima “fake news” della campagna elettorale? Si chiedono in molti sentendo parlare (poco in verità) del tagliando antifrode. Assolutamente no. La novità è infatti contenuta nel Rosatellum che, aggiornando l’articolo 58 della legge 361 del 1957, ha previsto che: “ Riconosciuta l’identita’ personale dell’elettore, il presidente (del seggio, ndr) estrae dalla cassetta o scatola una scheda e, annotato il codice progressivo alfanumerico del tagliando antifrode,  la consegna all’elettore opportunamente piegata insieme alla matita copiativa.” (…) ” Compiuta l’operazione di voto, l’elettore consegna al presidente la scheda chiusa e la matita.” (…) Il presidente constata la chiusura della scheda (…) ne distacca l’appendice seguendo la linea tratteggiata, stacca il tagliando antifrode dalla scheda, controlla che il numero progressivo sia lo stesso annotato prima della consegna e, successivamente, pone la scheda senza tagliando nell’urna.

Dunque da quest’anno all’interno della scheda elettorale che l’elettore riceverà ai seggi sarà presente un tagliando cartaceo contenente un codice progressivo alfanumerico generato in serie che verrà annotato sul registro elettorale che è stato introdotto per contrastare la contraffazione delle schede, compilate fuori dal seggio e poi introdotte illegalmente.

Ma praticamente, cosa cambia?

Sull’appendice di ciascuna scheda verrà applicato un bollino che, al momento della consegna delle schede agli elettori, dovrà essere annotato sulle liste elettorali.

Quando gli elettori usciranno dalle cabine non dovranno inserire le schede nelle urne come si è sempre fatto, ma le dovranno consegnare al presidente del seggio il quale dovrà prima controllare che il codice corrisponda a quello annotato, poi dovrà staccare l’appendice contenente il codice, quindi imbussolare le schede nelle urneVietato assolutamente staccare l’appendice con il codice, pena l’annullamento della scheda e del voto.

La novità è stata introdotta durante l’iter parlamentare della nuova legge elettorale (il Rosatellum appunto) con un emendamento del deputato friulano, Presidente della Commissione parlamentare sulla digitalizzazione della pubblica amministrazione, Paolo Coppola.

Lo stesso Coppola ha spiegato in questi giorni che “il tagliando consentirà al presidente di seggio di verificare che il codice alfanumerico della scheda votata corrisponda a quello della scheda appena consegnata all’elettore rendendo così impossibile il meccanismo del voto di scambio e inutile il furto delle schede. Garantirà al contempo che, una volta inserita la scheda nell’urna, il voto sia irriconoscibile”.

In verità, però, nella legge è inserito il principio, ma spetta al Ministero dell’Interno decidere come applicarlo concretamente. Ed in effetti i modi per realizzarlo sono diversi. La speranza, questa unica invece, è che si riesca a trovare un modo semplice ed immediato per evitare complicazioni e tempi lunghi sia in sede di voto che di spoglio.

Nel frattempo però, in attesa della “lunga notte degli algoritmi” gli aspiranti Presidenti di seggio non nascondono più di qualche timore per i tempi di gestione della nuova procedura e i rappresentanti di lista sono già pronti per dare battaglia fino all’ultima scheda, all’ultimo voto da annullare o recuperare.

Guarda il tutorial ufficiale del Ministero dell’Interno

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

News

Modem libero, successo dell’evento di MDC

Pubblicato

il

Modem Libero: Grande successo per il II Workshop Nazionale sulla Net Neutrality organizzato ieri pomeriggio a Milano dal Movimento Difesa del Cittadino

Cittadini, professionisti, operatori del settore, giornalisti e comunicatori, hanno partecipato al Workshop nazionale di Modem Libero, tenutosi ieri pomeriggio a Milano ed organizzato dal Movimento Difesa del Cittadino, nell’ambito della campagna avviata all’interno della Free Modem Alliance.

Un importante momento di condivisione, un confronto aperto e costruttivo sulla Net Neutrality, sull’importanza del riconoscimento dei nostri diritti, sulla consapevolezza di come internet e le nuove tecnologie possano essere al servizio di tutta la collettività, incondizionatamente.

Un momento di crescita e consapevolezza, di ricognizione e informazione. L’opportunità offerta agli intervenuti di conoscere il senso profondo della norma europea, che in Italia viene sistematicamente violata; l’UE ha stabilito la libertà di scelta dei dispositivi e dei modem, imponendo una maggiore trasparenza nei confronti dei consumatori, intimando  agli operatori  la necessità di fornire notizie sulla libertà di scelta da parte degli utenti, circa il costo e l’acquisto, che potrà essere fatto non necessariamente tramite la compagnia telefonica.

Prezioso il contributo offerto dai relatori, tra i maggiori esperti del settore e membri della Free Modem Alliance, che in un abbraccio sinergico con il pubblico hanno messo a disposizione il proprio sapere ed ascoltato le sollecitazioni giunte dalla sala.

Sono intervenuti l’Avv. Francesco Luongo (Presidente Nazionale MDC) , la Dott.ssa Lucia Moreschi (Coordinatrice Regionale MDC Lombardia), Ivan Catalano (Esperto della rete già Deputato nella XVII legislatura), Gabriele Matteo Fiorentini (Giurista e responsabile coordinamento della Free Modem Alliance), Kostas Papadopulos (Allnet Italia) Giovanni Zorzoni (Consigliere Associazione Italiana Internet Provider -AIIP).

<<E’ stata una grande occasione di incontro e confronto, scambio e condivisione. Tutti insieme abbiamo cercato di fornire gli strumenti per difenderci, per combattere abusi ed imposizioni, per garantire e difendere i principi di libertà e trasparenza – spiega Francesco Luongo, Presidente Nazionale di MDC –  Grazie alla preziosa partecipazione degli esperti della Free Modem Alliance e di tutti i cittadini ed operatori del settore e professionisti della comunicazione intervenuti, si è costruito un bellissimo brainstorming che ha prodotto un risultato straordinario, in termini di informazione, sensibilizzazione e progettualità>>.

 

 

Continua a leggere

News

L’energia diventerà Moneta. Lo dice il futurista Federico Pistono

Pubblicato

il

 

 

Se vuoi sapere di più di questi temi, partecipa allo SHAPING VISIONARI del 18 e 19 giugno a Roma. Ultimi posti disponibili, per registrarsi usa questo Link e se vuoi essere ospite con sconto di Luigi Gabriele usa il codice promozionale con abbattimento del 70%  già inserito nel link .

Ci vediamo a Roma.

 

 

 

Continua a leggere

News

Benzina, sfonda la soglia di 2 euro a litro

Pubblicato

il

Il prezzo della benzina ha sfondato in Italia la soglia psicologica dei 2 euro al litro. Lo denuncia il Codacons, che segnala il rialzo dei listini dei carburanti con effetti enormi sui prezzi al dettaglio in tutti i settori.

“Sull’Autostrada del Brennero i distributori hanno adeguato i listini alla pompa con prezzi che raggiungono 2,08 euro al litro per la benzina – spiega il presidente Carlo Rienzi – I rincari però si registrano da settimane in tutta Italia, al punto che il nostro paese ha raggiunto il secondo posto in Europa per il prezzo del gasolio, secondi solo alla Svezia. Una situazione che impatta in modo pesante sulle famiglie, con rincari a cascata dei prezzi al dettaglio in tutti i settori, come certificato dagli ultimi dati Istat sull’inflazione”.

“Il Governo aveva promesso un intervento sulle accise che gravano sui carburanti, ma finora nessun provvedimento al riguardo è stato annunciato – prosegue Rienzi – Salvini e Di Maio devono intervenire con urgenza perché rincari e speculazioni sui carburanti determinano conseguenze negative sull’intera economia nazionale. Basti pensare che senza il peso delle tasse, l’Italia crolla dal secondo al 17° posto in Europa per il caro-gasolio”.

Continua a leggere