Quest’estate per organizzare le proprie vacanze sempre più italiani hanno puntato sull’esperienza di un Consulente per Viaggiare Oggi CartOrange ne ricerca 150 da inserire in organico: la passione per i viaggi costituisce titolo preferenziale

Nonostante l’estate abbia registrato una flessione del 17% in termini di passeggeri (GfK) e il taglio di numerosi posti di lavoro, vi è una professione in grande ascesa nel settore turistico: è quella del Consulente per Viaggiare® lanciata in Italia da CartOrange, la più grande azienda di consulenti di viaggio che conta oltre 400 professionisti e svariate filiali sul territorio nazionale.
Quest’estate i passeggeri di CartOrange sono aumentati del 10,1% rispetto all’estate 2012. Questo successo si deve al fatto che i Consulenti per Viaggiare®, grazie alla propria esperienza e alle continue occasioni di formazione e aggiornamento offerte da CartOrange, sono in grado di proporre vacanze su misura e di pianificare, sulla base delle esigenze dei clienti, viaggi che vanno molto al di là dei semplici pacchetti. La consulenza è gratuita e, se il cliente lo richiede, anche a domicilio o via web.

Per il 2013-14 l’azienda ricerca 150 nuovi Consulenti che abbiano passione per i viaggi e attitudine alla vendita: per candidarsi basta connettersi al sito www.cartorange.com. Tra i consulenti inseriti l’anno scorso anche alcuni professionisti con una formazione umanistica alle spalle, come storici e archeologi.

È il caso di Stefano Lucchesi, 28 anni, nato a Lucca, archeologo con la passione per i viaggi. Stefano lavora con CartOrange dall’inizio del 2013. «Mi sono laureato in Archeologia orientale ed Egittologia a Firenze -racconta- e da un paio d’anni lavoro come accompagnatore turistico. Fare ricerca pura, nel mio campo, è molto difficile, e del resto io ho sempre avuto una passione per la divulgazione. Quando ho saputo che CartOrange cercava persone laureate nel settore dei beni culturali ero incredulo, ma mi sono detto: proviamo. Adesso faccio parte dell’équipe che si occupa dei “Viaggi nel Tempo” di CartOrange». La formazione continua e il supporto della struttura di CartOrange hanno permesso a Stefano di acquisire le competenze necessarie per pianificare i viaggi nel Vicino Oriente, per i quali parte egli stesso come accompagnatore.

«In questo momento di difficoltà economiche i consumatori cercano la massima qualità rispetto alla spesa -spiega il prof. Giorgio Castoldi, docente universitario esperto di marketing del turismo-. La figura del consulente di viaggio assume, così, un ruolo importante. La modalità vis-à-vis garantisce dialogo e personalizzazione, con in più la comodità di poter incontrare il consulente anche a domicilio, negli orari preferiti. Il cliente può esprimere le sue esigenze, confrontarsi e ricevere in cambio una proposta calibrata sulle sue esigenze, diversa dai soliti pacchetti, con la garanzia di aver parlato con un professionista preparato».