Sicurezza informatica: oggi parliamo di Facebook
Eliminate date di nascita e luogo dai vostri profili, i rischi potrebbero essere ingenti

Il mondo ormai è a portata di click, internet ha profondamente modificato le nostre esistenze e i social network hanno cambiato il modo che abbiamo di comunicare e instaurare rapporti interpersonali.
In particolare su Facebook, siamo abituati a condividere dettagli molto intimi della nostra vita privata: dati personali, foto, ricorrenze, modi di pensare che difficilmente avremmo il coraggio di esprimere direttamente ad altre persone. Eppure lo facciamo, sulla pubblica piazza del social, raggiungendo anche un numero di persone esponenzialmente più alto e andando incontro a conseguenze decisamente più pericolose. In proporzione cresce anche il rischio che queste informazioni si ritorcano contro di noi.
Quale dovrebbe essere il limite quando postiamo informazioni che riguardano noi, la nostra famiglia e i nostri amici?
Quale dovrebbe essere il limite quando postiamo informazioni che riguardano noi, la nostra famiglia e i nostri amici? Ci sono dei contenuti che sarebbe meglio non pubblicare sul proprio profilo.

In particolare, cosa non dovremmo mai postare sul social network?
Il profilo Fb visibile sui motori di ricerca
Innanzitutto, se non volete che chiunque, tramite, ad esempio una ricerca Google, possa avere le vostre informazioni, fate in modo di bloccare questa possibilità attraverso le impostazioni del vostro profilo.
In questo modo si evita l’accesso di gente estranea alla propria pagina Facebook e ai propri dati personali, comprese le foto.
Per farlo, andare alla gestione della Privacy su Account Fb e scegliete una delle opzioni suggerite
Data e luogo di nascita
Inserendo questi dati, che sul social network possono sicuramente aiutare nel ricordare le ricorrenze, si mette a disposizione chiunque abbia cattive intenzioni di una password per la situazione economica personale. Si può, infatti, facilmente risalire al codice fiscale di chiunque se si conoscono luogo e data di nascita. Per cui fate attenzione e magari, cambiate qualche dettaglio.
L’indirizzo di casa
Le conseguenze legate al rilascio di questa informazione sono facilmente intuibili. Ognuno, in ogni momento, può sapere il luogo preciso in cui si trova casa nostra, mettendo a rischio la propria sicurezza  e quella dei nostri famigliari.
Comunicare i propri spostamenti
Le tanto attese ferie arrivano, finalmente, ma è meglio tenere per sé i dettagli del periodo e il luogo, per evitare di far sapere a tutti quando la casa è vuota e per quanto a lungo.
Foto o frasi compromettenti
Evitare di pubblicare foto che possano risultare compromettenti e ritorcersi contro di sé. Lo stesso vale con le dichiarazioni pubblicamente esposte, soprattutto quelle offensive o diffamanti.
Il numero di telefono
Attenti alla pubblicazione del proprio numero di telefono, che potrebbe finire nelle mani sbagliate.
Il GPS
Pubblicare foto o post che contengano la propria posizione può esporci a pericoli o rischi a cui nemmeno pensiamo. Sarebbe opportuno disattivare il segnale satellitare per evitare che i nostri spostamenti siano monitorati o siano presi di mira i nostri appartamenti o addirittura noi stessi.
Foto dei bambini taggate con i loro nomi
La pericolosità della pubblicazione di questi dati è abbastanza immediata. Sarebbe meglio evitare di pubblicare al mondo intero le foto dei propri figli e non sarà un’impostazione della privacy più ristretta a tenerci al riparo.
Il nome da ragazza di vostra madre
Questa informazione, a prima vista innocua, è invece molto preziosa. Si tratta infatti della risposta di sicurezza che più spesso i siti richiedono, ad esempio le aziende utilizzano proprio questo dettagli per proteggere i dati sensibili.
Abitudini “insolite”
Se avete degli hobby particolari, che potrebbero mettere a rischio la vostra vita o i vostri bene, è bene sapere che le compagnie assicurative frugano sempre più sui social per scorgere questi atteggiamenti nei loro clienti.

 

Dichiara Luigi Gabriele Affari Istituzionali Codici – fate attenzione a quello che decidete di pubblicare sui social: la condivisione di un post, una foto, uno stato d’animo, un avvenimento importante che sembrano possano interessare solo noi o al più i nostri contatti, in realtà diventano immediatamente di dominio pubblico, quindi, facilmente accessibili a tutti e in qualsiasi parte del mondo. I rischi sono in agguato e le conseguenze negative possono essere incommensurabili.