Consumatori

ANTITRUST: IL 29 GENNAIO SI CONCLUDE ISTRUTTORIA SU DAZN PER PRATICHE COMMERCIALI SCORRETTE SU PARTITE DI CALCIO

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, con nota ufficiale, ha comunicato che il prossimo 29 gennaio concluderà l’istruttoria nei confronti della società DAZN, grazie all’intervento del Codacons che, come si ricorderà, lo scorso agosto aveva denunciato pratiche commerciali scorrette e violazioni dei diritti dei consumatori da parte di SKY Italia S.r.l. e DAZN per la commercializzazione dei pacchetti delle partite di campionato 2018/2019.

DAZN in particolare ha posto in essere una serie di violazioni che riguardano il claim “quando vuoi, dove vuoi”, che lascia intendere al consumatore di poter utilizzare il servizio ovunque si trovi, senza riferimento ai problemi e limiti tecnici della nuova piattaforma che ha impedito di vedere le prime partite di campionato a milioni di italiani; Dazn inoltre pubblicizzava la gratuità del servizio per un mese senza contratto, mentre in realtà il consumatore stipulava un contratto per il quale era previsto il rinnovo automatico, con conseguente esigenza di esercitare l’eventuale recesso per bloccare il rinnovo; in più l’iscrizione gratuita del primo mese comportava l’automatico addebito dell’importo per i mesi successivi, in quanto il consumatore, creando il proprio account, dava inconsapevolmente il proprio consenso all’abbonamento al servizio, dovendosi attivare per esercitare il recesso.

Tali comportamenti denunciati dal Codacons potrebbero presto essere oggetto di pesante sanzione da parte dell’Antitrust in quanto le condotte sembrano integrare la violazione degli artt. 21, 24 e 25 del Codice del Consumo. In vista dell’imminente provvedimento dell’Autorità il Codacons, se saranno accertate irregolarità, raccoglierà le adesioni di migliaia di abbonati al fine di attivare le dovute azioni risarcitorie verso Dazn.

Lascia un commento

Back to top button