News

VISIONARI|Arrivano case, cibo e organi stampati in 3d

Stampare in 3D qualsiasi cosa
da VISIONARI Weekly 10/01/2020 
Stampanti 3D: in molti ne hanno una. Ma cosa possiamo realizzare direttamente in casa nostra? 
Oggi, non ci limitiamo più al PLA, o ad altre plastiche, ma possiamo stampare cemento, organi artificiali e addirittura cibo. Potremmo accorgerci che il mercato della stampante 3D potrà quasi distruggere il mondo dello shopping e del consumo. 
  
Organi Artificiali
Ogni anno, 160.000 persone ricevono un trapianto. Si tratta del solo 10% dei pazienti in attesa di ricevere un organo.
Le attese sono infinite: ad esempio, per ricevere un trapianto di rene, il periodo di attesa è in media di 5 anni. 
Sembra un problema irrisolvibile e finora, si è cercato di incentivare l’iscrizione alle liste di donatori. Per quanto queste campagne di sensibilizzazione possano aiutare, non bastano: una volta morto il donatore sorgono due nuovi problemi. 
La compatibilità con il ricevente: I gruppi sanguigni sono 4, e possono essere suddivisi ulteriormente a seconda del fattore di Rhesus (Rh + oppure Rh -). Inoltre, nel corpo del ricevente sono presenti anticorpi, che potrebbero attaccare il nuovo organo. Sono necessarie lunghe analisi, che potrebbero aumentare il periodo di attesa. 
Il trasporto: Immagina di aspettare un donatore per ormai 5 anni, con sofferenze atroci. Ti trovi a Milano e spunta un donatore, compatibile con te, appena morto in Calabria. La sfida è trasportare l’organo per i 1.200 Km che separano donatore e ricevente. Idealmente, il donatore dovrebbe trovarsi nel tuo stesso ospedale in punto di morte – ma ciò, molto spesso, non è possibile. 
Perciò si pensa agli organi artificiali. Stampabili in 3D e tollerati dal corpo umano. Si utilizza l’idrogel – un composto in cui diverse resine polimeriche sono disperse in acqua. Può essere stampato in 3D ed è biocompatibile. Per azionarlo, vengono utilizzati particolari microchip, chiamati Bio-MEMS: contengono un programma che esegue le stesse funzioni dell’organo originale. 
Siamo ancora lontani, è vero, ma ci stiamo lavorando. Ad oggi, è stato eseguito un solo trapianto artificiale. Il Dr. Paolo Macchiarini, Svizzero di origine Italiana, ha eseguito un trapianto di trachea in Svezia utilizzando le cellule della paziente e una replica in plastica. Ma in molti, soprattutto negli Stati Uniti (dove la sanità prevede assicurazioni private) si stanno concentrando sul rene artificiale. Speriamo, di poter assistere ad un trapianto il prima possibile.        
 
Cibo e Case Artificiali
In edilizia, la stampa 3D diventerà importantissima: si possono costruire interi edifici a velocità tripla, utilizzando la metà degli operai e riducendo i rifiuti del 60%.

Questo è il bilancio di Apis Cor, che a Dubai ha appena costruito un edificio pubblico a Dubai, utilizzando una stampante 3D. Il processo è reso possibile grazie ad un cemento speciale, denominato SCC (self-compacting concrete = calcestruzzo autocompattante). Il cemento viene disposto strato per strato, esattamente come per la stampante di casa. Non vengono impiegati mattoni, ma il cemento, opportunamente disposto, garantisce la stabilità. L’ufficio pubblico di Dubai, a oggi, è l’edificio più grande al Mondo, ad essere stampato in 3D. 🥩🥩 Con la stampa 3D si può anche stampare il cibo. In cucina, le applicazioni sono principalmente riconducibili al valore estetico. Ad esempio, Barilla ha sperimentato forme di pasta inusuali grazie a queste tecnologie. Tuttavia, le cose cambiano quando si passa alla carne: qui si risolvono problemi di natura ambientale. L’allevamento animale è responsabile del 16% delle emissioni di gas serra. Le emissioni sono dovute sia al puro allevamento, che al trasporto degli animali e della carne. La stampa 3D permette di assemblare la propria bistecca, chiaramente di origine vegetale. 

Se sei interessato a questo tema, tra pochi giorni VISIONARI organizzerà una videocall sull’argomento.
Ospite Giuseppe Scionti, il CEO di Novameat che in Italia stampa carne in 3D. 


​Se sei di Milano, ti invitiamo anche all’apertura del nostro Capitolo Regionale, il 16 Gennaio 2020 al Combo, in Ripa Porta Ticinese 83. Organizziamo uno speech sul tema Blockchain, insieme a William Nonnis, Developer di tecnologie Blockchain e A.I. per il Ministero della Difesa. Inoltre, ti coinvolgeremo in un dibattito interattivo sul Futuro – insieme potremo immaginarci di essere nell’anno 2040 e capire come utilizzare le nuove tecnologie in maniera responsabile.
L’evento e l’aperitivo insieme allo staff dell’associazione VISIONARI ha un costo di 5€, proprio per non avere alcun tipo di sponsor.  Per registrarti, clicca il pulsante qui sotto! Ci vediamo a Milano!  
 Registrati
Back to top button