Consumatori

Bollette luce e gas: in 10 anni più 780 euro a famiglia

In 10 anni 12 milioni di famiglie abbandonano il mercato tutelato dell’energia elettrica e 9,4 milioni quello del gas.

Ogni famiglia italiana paga oggi 780 euro in più all’anno per le forniture di luce e gas rispetto al 2011, nonostante il peso di imposte e oneri di sistema sulle bollette si sia ridotto fino al 34,7%. I dati emergono da una ricerca condotta dall’associazione dei consumatori Consumerismo No Profit e dal Centro Ricerca e Studi di “Alma Laboris Business School”, società specializzata in Master e Corsi di Alta Formazione e specializzazione per professionisti, che ha analizzato l’andamento del mercato energetico e le ripercussioni sulle spese degli utenti.

Nel 2011 una famiglia del mercato tutelato spendeva in media a fine anno 1.622 euro per le forniture di luce e gas, spesa salita a 1.761 euro nel 2021 (+139 euro): nel confronto 2011/2021 le tariffe dell’elettricità hanno subito aumenti per +186 euro a famiglia, mentre quelle del gas hanno registrato una riduzione per -47 euro a nucleo. La situazione cambia sensibilmente nel 2022, a causa dei forti rincari dei prezzi energetici degli ultimi mesi. In base alle attuali tariffe, a fine anno una famiglia tipo si ritroverà a spendere in totale 780 euro in più rispetto al 2011 per le bollette dell’energia: +468 euro per la luce, +312 euro per il gas.

L’analisi di Consumerismo No Profit e dal Centro Ricerca e Studi di “Alma Laboris Business School” prende poi in esame l’aspetto fiscale delle bollette: nel 2011 ogni famiglia pagava oltre 116 euro all’anno a titolo di imposte e oneri di sistema sulla luce, e 428 euro sul gas. Le tasse pesavano infatti per il 26,2% sull’elettricità e addirittura per il 36,4% sul gas. Una situazione che oggi appare molto diversa: gli interventi del Governo per contenere il caro-energia hanno portato ad un abbattimento del peso di oneri e imposte sulle bollette, con la tassazione che nel II trimestre del 2022 è scesa all’11% per la luce e al 18,77% sul gas. A fine anno, quindi, una famiglia tipo pagherà in bolletta il 34,7% in meno di imposte sulle forniture di gas rispetto a quanto pagato nel 2011.

In 10 anni il mercato dell’energia ha subito profonde modifiche – spiega l’amministratore di Alma Laboris Business School, Dario Numeroso – Ben 12 milioni di famiglie nel settore dell’energia e 9,4 milioni in quello del gas hanno abbandonato tra il 2011 e il 2021 il mercato tutelato per passare al mercato libero. Uno “switch-off” costato alle casse dello Stato circa 4,9 miliardi di euro in termini di minori entrate fiscali garantite da imposte e oneri di sistema del mercato a maggior tutela”.

Spesa annua a famiglia 2011

Spesa annua a famiglia 2021

Diff.

Luce

445 euro

631 euro

+186 euro

Gas

1.177 euro

1.130 euro

-47 euro

Spesa annua a famiglia 2011

Spesa annua a famiglia 2022*

Diff.

Luce

445 euro

913 euro

+468 euro

Gas

1.177 euro

1.489 euro

+312 euro

*Dati al II trim

Peso oneri e imposte in bolletta 2011

Peso oneri e imposte in bolletta 2021

Peso oneri e imposte in bolletta 2022*

Luce

26,2%

25,5%

11%

Gas

36,4%

38%

18,77%

*Dati al II trim

Spesa annua a famiglia oneri e imposte 2011

Spesa annua a famiglia oneri e imposte 2021

Spesa annua a famiglia oneri e imposte 2022

Diff. 2011/2022

Luce

116,6 euro

160,9 euro

100,4 euro

-13,9%

Gas

428,4 euro

429,4 euro

279,5 euro

-34,7%

*Dati al II trim

2011

2021

Diff.

Clienti a maggior tutela elettricità

24.016.000

12.014.000

-12 milioni

Clienti a maggior tutela gas

17.079.000

7.675.000

-9,4 milioni

Spesa totale per annua oneri e imposte 2011

Spesa totale per annua oneri e imposte 2021

Luce

2, 8 mld di euro

1,9 mld di euro

Gas

7,3 mld di euro

3,3 mld di euro

Totale

10,1 mld di euro

5,2 mld di euro

Fonte: Elaborazioni Alma Laboris Business School e Consumerismo su dati Arera. Famiglia tipo: consumi elettrici medi di 2.700 kilowattora l’anno; consumi medi di gas di 1.400 metri cubi l’anno.

Eccetto dove diversamente indicato, tutti i contenuti di Consumerismo.it sono rilasciati sotto licenza "Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License".
Tutti i contenuti di Consumerismo.it possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre Consumerismo.it come fonte e inserire un link o un collegamento visibile alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Consumerismo.it possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a redazione@consumerismo.it.
Back to top button