Comunicati Stampa

BONUS PC E TABLET: E’ REGALO A COMPAGNIE TELEFONICHE!!

LEGGE PREVEDE DIRITTO A CONTRIBUTO SOLO SE SI ATTIVA UNA LINEA TELEFONICA FISSA. UTENTI COSTRETTI A SPESE TELEFONICHE INGIUSTE SE VORRANNO ACQUISTARE UN PC O UN TABLET

Il decreto del che regola il , ovvero i voucher per acquistare computer e tablet, rischia di trasformarsi in un tranello per i consumatori italiani e di rappresentare un enorme regalo alle compagnie telefoniche, vere beneficiarie del provvedimento.

Lo denuncia oggi No Profit, associazione dei consumatori specializzata in , che lancia all’allarme sull’ennesima beffa nascosta nei bonus del Governo.

Il decreto pubblicato lo scorso 1 ottobre stanzia 204 milioni di euro da destinare alle famiglie con Isee inferiore a 20mila euro, che potranno beneficiare di un voucher fino a 500 euro per l’acquisto di nuovi strumenti digitali come pc e tablet – spiega CONSUMERISMO – , società pubblica delegata ad erogare il bonus in questione, ha diffuso le linee guida per avere accesso all’incentivo, e tra queste si scopre che “La fornitura di personal computer e tablet è sempre associata all’attivazione di una nuova utenza di rete fissa. Il beneficiario dovrà certificare di avere ISEE inferiore a euro 20.000 e stipulare un contratto per l’attivazione di servizi di connettività con un operatore accreditato”.

“Chi vuole godere del bonus per acquistare un nuovo pc e tablet deve quindi attivare una linea telefonica fissa, andando incontro a nuove e ingiustificate spese telefoniche – denuncia , presidente di Consumerismo – Un vero e proprio regalo ai gestori della telefonia fissa che contrasta con le grandi politiche per lo sviluppo del 5G e di tutte le tecnologie wireless, deciso dal Governo italiano forse per rientrare negli investimenti sulla rete fibra”.

Luigi Gabriele

Presidente dell'Associazione Consumerismo no profit. Laureato in Scienze Politiche, indirizzo politico amministrativo. Specializzato in affari regolatori, relazioni istituzionali e comunicazione pubblica. Dopo diverse esperienze in aziende e presso l’Università Sapienza, dal 2008 si occupa di tutela del consumatore. Ha svolto la funzione di esperto per due delle principali associazioni nazionali, svolgendo sia il ruolo di esperto consumerista sia di comunicatore pubblico. E’ consulente stabile in materia di consumi e tutela del consumatore per Uno Mattina, Mi manda Rai3, Tg2 Italia, Tv 2000 - Attenti al Lupo, Radio Rai1, Radio24, Radio Cusano Campus e innumerevoli siti web e testate. Ha acquisito competenze per la risoluzione delle casistiche sia individuali sia collettive in tutela del consumatore nei settori regolamentati (energia, gas, acqua e rifiuti, telefonia, Internet e pay tv, assicurazioni, bancario e servizi postali) e nei settori di consumo generico, come commercio elettronico, innovazione tecnologica e spesa domestica. E’ componente dei gruppi di lavoro sulla tutela del consumatore del Ministero dello Sviluppo Economico e ha svolto consulenza specifica per numerosi commissioni parlamentari su testi di legge in materia di tutela dei consumatori. Oggi è presidente di Consumerismo no profit e di Visionari no profit, organizzazione per la divulgazione della scienza e della tecnologia.

Ti potrebbe interessare

Back to top button