Comunicati Stampa

Boom delle vendite delle carte da gioco

Gli scacchi sono il regalo per il Natale 2020: +174,7% di interesse online dall’inizio della famosa serie Netflix. Monopoly e Taboo i giochi di società più amati

09 Dicembre 2020 – Sotto l’albero di Natale, quest’anno, oltre ai famosi giochi da tavolo e di società, troveremo anche i giochi degli scacchi. Le ricerche online relative agli scacchi, infatti, hanno fatto registrare un boom del +174,7% in tutta Europa dall’inizio della famosa serie Netflix “La Regina degli Scacchi”, lo scorso 23 ottobre.

Ma oltre agli scacchi il 2020 è stato l’anno della “riscoperta” di molti giochi di società e da tavolo, ottimi strumenti di intrattenimento e compagni di svago per bambini e adulti nei mesi di lockdown e di isolamento che abbiamo vissuto.

Secondo i dati raccolti da idealo – portale internazionale leader in Europa nella comparazione – nell’ultimo anno l’interesse in Italia nei confronti dei giochi di società è aumentato del +70,1%.

I giochi di società e i giochi da tavolo più amati nel 2020

Quello di quest’anno non sarà un “Natale con i tuoi, ma il 2020 ci ha fatto scoprire modi alternativi per rimanere in contatto con le persone care e con gli amici, socializzare e condividere momenti importanti o di svago, anche a distanza.

I giochi da tavolo e di società, un classico del periodo delle feste, rimarranno nelle tradizioni anche di questo Natale da quel che emerge dai dati sull’interesse online negli ultimi mesi.

Tra i giochi di società più amati nel 2020, gli italiani confermano al primo posto l’intramontabile Monopoly che quest’anno ha festeggiato 85 anni da quando è stato brevettato, nel 1935.

Al secondo posto un altro famosissimo della Hasbro, Taboo – il gioco delle parole vietate, l’unico gioco in grado di far discutere migliaia di coppie senza dirsi una parola.

Il grande ritorno tra i giochi da tavolo è stato quello dei puzzle e delle carte da gioco che nell’ultimo anno hanno fatto registrare un vero e proprio boom di preferenze online sul portale italiano di idealo rispetto ai 12 mesi precedenti: +1507,8% per i puzzle e +260,8% per le carte da gioco.

Padroneggiare la “Difesa Siciliana” tra gli obiettivi del nuovo anno?

Il gioco degli scacchi, nato in tempi antichi, rappresenta da sempre uno dei passatempi più conosciuti e diffusi, capace di far appassionare giocatori appartenenti ad ogni fascia di età.

L’avvento della scacchiera elettronica ha rivoluzionato il modo di accostarsi a questo gioco, consentendo di imparare in piena autonomia le mosse di base o di perfezionare il proprio livello, fino a diventare dei veri e propri maestri e di giocare da soli o anche contro un altro avversario in tempo reale, faccia a faccia, o attraverso .

In periodi come quello che stiamo vivendo di isolamento forzato non è un caso, quindi, che gli scacchi abbiano fatto registrare un aumento di interesse online: negli ultimi 12 mesi le ricerche di articoli online legati al gioco degli scacchi sono aumentate del +65,0% rispetto all’anno immediatamente precedente.

A dare una ulteriore, notevolissima, nonché inaspettata spinta alla diffusione del gioco è poi intervenuta, a fine ottobre, l’uscita su Netflix della serie ‘The Queen’s Gambit’ (il titolo italiano è ‘La regina degli scacchi’).

Non è la prima volta che una serie TV contribuisce a creare una nuova moda o a riaccenderne una passata: ci sono esempi tra i capi di moda, le destinazioni turistiche, dolci e cocktail, brani musicali e perfino lavori e professioni che sono diventati famosi o sono stati rilanciati da una serie TV.

Secondo i dati raccolti da idealo, dal 23 ottobre 2020 in poi, giorno di debutto de “La Regina degli Scacchi” su Netflix, le ricerche online di articoli legati al gioco degli scacchi hanno registrato un boom, con un aumento del +174,7% sul portale internazionale di idealo.

I prodotti più cercati sono state proprio le scacchiere elettroniche tra cui la ChessGenius della Millenium con il primo programma di scacchi – messo a punto dall’inglese Richard Lang – ad aver sconfitto un campione mondiale in un torneo ufficiale, il campione del mondo Gary Kasparov.

“I dati analizzati da idealo ci danno conferma di quanto il mondo dell’e-commerce faccia ormai emergere trend relativi ai settori più disparati – ha commentato Antonio Pilello, responsabile della comunicazione di idealo per l’Italia – In dettaglio, l’exploit degli scacchi fa capire come e-commerce ed entertainment siano influenzati l’uno dall’altro, mentre il successo dei giochi da tavolo in genere è figlio dei nostri tempi ed era già stato documentato nel corso del primo lockdown. In un momento in cui è più essenziale che mai trovare forme di intrattenimento casalinghe, i giochi vengono in supporto di adulti e bambini, soprattutto quando se ne può godere al prezzo migliore sul mercato attraverso l’uso della comparazione prezzi”.

Luigi Gabriele

Presidente dell'Associazione Consumerismo no profit. Laureato in Scienze Politiche, indirizzo politico amministrativo. Specializzato in affari regolatori, relazioni istituzionali e comunicazione pubblica. Dopo diverse esperienze in aziende e presso l’Università Sapienza, dal 2008 si occupa di tutela del consumatore. Ha svolto la funzione di esperto per due delle principali associazioni nazionali, svolgendo sia il ruolo di esperto consumerista sia di comunicatore pubblico. E’ consulente stabile in materia di consumi e tutela del consumatore per Uno Mattina, Mi manda Rai3, Tg2 Italia, Tv 2000 - Attenti al Lupo, Radio Rai1, Radio24, Radio Cusano Campus e innumerevoli siti web e testate. Ha acquisito competenze per la risoluzione delle casistiche sia individuali sia collettive in tutela del consumatore nei settori regolamentati (energia, gas, acqua e rifiuti, telefonia, Internet e pay tv, assicurazioni, bancario e servizi postali) e nei settori di consumo generico, come commercio elettronico, innovazione tecnologica e spesa domestica. E’ componente dei gruppi di lavoro sulla tutela del consumatore del Ministero dello Sviluppo Economico e ha svolto consulenza specifica per numerosi commissioni parlamentari su testi di legge in materia di tutela dei consumatori. Oggi è presidente di Consumerismo no profit e di Visionari no profit, organizzazione per la divulgazione della scienza e della tecnologia.

Ti potrebbe interessare

Back to top button