Soldi

Contanti o denaro elettronico? Favorevoli e contrari.

Il 58% degli italiani dice sì all’eliminazione del cash: quali conseguenze per il settore del gioco.

Non ci sono dubbi che gli italiani siano da sempre più lenti rispetto ad altri paesi europei quando si tratta di adottare nuove tecnologie o di rivolgersi a soluzioni digitali per soddisfare le piccole esigenze di tutti i giorni. Una recente indagine, tuttavia, sembra evidenziare una maggiore apertura verso le innovazioni, soprattutto per quanto riguarda le transazioni finanziarie.

I nuovi casino online e i diversi siti di shopping su internet sono da tempo impegnati nella ricerca e utilizzazione di metodi di pagamento che consentano transazioni via web sicure, rapide e trasparenti, in grado di completare la ricarica di un conto gioco oppure l’acquisto di un capo di abbigliamento con pochi semplici click.

Le nuove tecnologie hanno invece faticato a prendere piede negli scambi commerciali e negli acquisti reali, dove il contante l’ha sempre fatta da padrone. Qualcosa tuttavia si sta muovendo, e l’idea di eliminare l’uso del cash per agevolare il contrasto all’evasione fiscale ha incontrato il favore della maggior parte degli italiani intervistati in un sondaggio condotto da Swg e riportato da IlSole24ore.

Ad un campione di 1500 cittadini maggiorenni è stata posta la seguente domanda: “Per combattere l’evasione fiscale, sarebbe d’accordo con la completa eliminazione dei contanti, sostituendoli con pagamenti con carte di credito o altri strumenti elettronici tracciabili?”. La risposta è stata positiva per il 58% degli intervistati, di cui però solo un 30% si è detto “completamente d’accordo” mentre il rimanente 28% si è dichiarato “abbastanza d’accordo”.

Come dicevamo all’inizio dell’articolo, gli italiani sono molto affezionati al contante: nel 2018 l’ammontare delle transazioni in denaro contante è stato di 204 miliardi, una cifra che preoccupa soprattutto quando si pensa al fatto che il cash è il canale preferito per le attività di riciclaggio del denaro sporco e per l’evasione fiscale. Per combattere questi reati, il Fisco ha richiesto a Banche, Uffici Postali ed enti di pagamento di segnalare i casi in cui i movimenti di denaro contante superino i 10.000€ al mese. Le segnalazioni andranno inviate all’Unità di informazione finanziaria della Banca d’Italia.

Il tema dell’eliminazione del contante tocca in modo forte e diretto il settore del gioco tradizionale, da sempre basato sull’utilizzo delle monete e delle banconote di piccolo taglio. Agenzie di scommesse, sale slot e bingo funzionano quasi esclusivamente grazie all’utilizzo del cash e l’idea di una sua completa eliminazione ha suscitato reazione contrastanti.

Da un lato vi è chi plaude all’idea di avere uno strumento a disposizione che permetta di contrastare in modo efficace il riciclaggio e l’evasione fiscale, piaghe che colpiscono diversi settori dell’economia nazionale, ma che nel gioco d’azzardo hanno trovato una nicchia particolarmente favorevole. Secondo alcuni esperti, la maggiore diffusione della moneta digitale potrebbe indirettamente portare vantaggi anche agli operatori online come Betway casino e gli altri casinò legali. I potenziali giocatori, che fino a poco tempo fa non si erano avvicinati ai casino online perché non avevano a disposizione gli adeguati strumenti di pagamento, ora potrebbero più facilmente accedere ad opzioni di gioco sicure e controllate.

Dall’altro lato vi è però chi ha evidenziato che la sparizione del denaro fisico potrebbe portare ad un incremento dei casi di gioco patologico. L’utilizzo delle monete di piccolo taglio ed il contatto diretto con il contante è sempre stato considerato uno strumento importante per la presa di coscienza dei giocatori che possono valutare concretamente il proprio livello di spesa. Il rischio è che facendo sparire il contante, si rischi di togliere agli scommettitori un importante strumento di controllo del proprio budget.

Back to top button