Consumatori

ISTAT: crollano i consumi. Cresce solo l’e.commerce

CODACONS: DATI ALLARMANTI, SI PRENNUNCIA NATALE GELIDO SUL FRONTE DEI CONSUMI. SUBITO MISURE PER STIMOLARE ACQUISTI E LIMITARE STRAPOTERE E-COMMERCE

I dati Istat sulla propensione ai consumi da parte delle famiglie, con le vendite dei negozi non alimentari che hanno registrato un calo complessivo del 13,5% nei primi nove mesi del 2020, sono per il Codacons allarmanti e richiedono misure urgenti per salvare almeno il Natale degli italiani.

“Di questo passo e con le ulteriori restrizioni imposte nelle ultime settimane dal Governo si rischia un Natale “gelido” sul fronte dei consumi – spiega il presidente Carlo Rienzi – La situazione di grande incertezza che investe oggi il paese, unitamente alle limitazioni che interessano commercio e negozi, stravolgerà le spese natalizie degli italiani e le abitudini di acquisto delle famiglie, a tutto beneficio dell’e-commerce: non è certo un caso se lo shopping online nei primi 9 mesi dell’anno ha registrato una forte crescita del +29,2%”.

“Senza misure urgenti per stimolare i consumi e aiutare il commercio tradizionale, gli acquisti delle famiglie, specie durante le festività, saranno sempre più dirottati verso i giganti del web come Amazon – prosegue Rienzi – Per questo chiediamo al Governo di sanare tale evidente alterazione del mercato limitando lo strapotere dell’e-commerce, che danneggia la concorrenza e affossa i piccoli negozi”.

Ti potrebbe interessare

Back to top button