News

Le lampade alogene vanno in pensione dal 1 settembre. Approfondimento #quellebraveragazze

💡Le lampadine alogene, come già quelle ad incandescenza vanno in #pensione.

Ne abbiamo parlato oggi da @quellebraveragazze 👭👭
Con Graci Valeria Veronica Maya Mariolina Nicotera Simone Arianna Campoli

 

 

  • Quali sono i motivi principali per cui le lampadine a led sostituiranno completamente le vecchie lampadine alogene?

Dal  primo settembre, è entrata in vigore la direttiva europea 244 del 2009 – prevista per il 2016 e poi posticipata al 2018 – che mette al bando i “prodotti ad alto consumo energetico”. In questa categoria di prodotti figurano le lampadine alogene – quelle dalla classica forma a pera, per i meno esperti – le quali dovranno essere sostituite dalle ormai note lampadine Led, “Light Emitting Diode” in inglese o “diodo a emissione di luce”, in italiano.

Il divieto arriva con un ritardo di due anni: la direttiva prevedeva che la data fosse il 1° settembre 2016, ma gli stati membri dell’UE hanno deciso di dare due anni di tempo in più, affinché le lampade a LED potessero diffondersi maggiormente, abbassare i propri costi e rendere così meno perentorio il passaggio.

Le lampade alogene non potranno più essere prodotte o commercializzate, l’unica vendita possibile sarà per l’esaurimento delle scorte.

 

  • Perché la decisione di utilizzare questo nuovo tipo di lampadine ?

Una lampada a LED permette un risparmio di energia fino a 5 volte superiore rispetto a una lampada alogena

Si calcola un risparmio di circa 93 teraWatts annuo per il 2020, praticamente equivalente al consumo annuo di un paese come il Portogallo.

Il problema centrale per cui l’UE ha optato per questa direttiva riguarda l’inquinamento e l’impatto ambientale. Secondo le stime della portavoce della Comunità Europea per l’energia e il clima, Anna-Kaisa Itkonen, quando sarà completato il passaggio alle lampade a LED si potrebbe arrivare a una riduzione di circa 15 milioni di tonnellate di emissioni di CO2 entro il 2025.

Un’altra questione, strettamente connessa, riguarda i consumi di petrolio: il passaggio al LED permetterà, a regime, di risparmiare ben 75 milioni di barili di petrolio l’anno.

  • In che percentuale i  costi  dei consumi energetici delle lampadine a led  e’ inferiore   alle lampadine alogene? Dov’e’ il reale risparmio?

più durature nel tempo (fino a 20 anni) e meno dispendiose sotto il profilo dei consumi (fino a 115 euro di risparmio).

Una lampada a LED consuma 500 kW per le 50mila ore, mentre una ‘normale’ 1150 W

Per 500 ore di attività una lampadina a led consuma 3 kWh e una a risparmio energetico 75 kWh; ciò si traduce in un bel risparmio in bolletta.

Il risparmio delle lampadine a LED è circa il 90% rispetto alle vecchie lampadine e il 70% rispetto alle fluorescenti,e mentre i costi per la prima saranno di 100 euro, per la seconda saranno 232 euro

Ancora, il passaggio da una lampada alogena di media potenza a un LED ad alta efficienza energetica permetterà di risparmiare circa 115 euro, considerato il ciclo di vita del LED di circa 20 anni, e di recuperare il suo costo entro un anno.

  • Qual e’ la durata media di una lampadina a led rispetto a quella tradizionale a bulbo di vetro?

Una lampadina a led puo’ per illuminare un ambiente di medie dimensioni per 50mila ore (più di cinque anni di utilizzo, la vita media di una lampada a LED):

 

  • CONSIGLI

NON LASCIARE LUCI ACCESE

CON TARIFFA BIORARIA, ATTENTI A FASCE RISPARMIO ENERGETICO

COMUNICARE SEMPRE L’AUTOLETTURA

TENERE SOTTO CONTROLLO I CONSUMI, NON SPRECARE

Comprando le lampadine tradizionali per avere luce piu’ o meno intensa facevamo riferimento ai  watt…Dobbiamo  fare attenzione a qualcosa in particolare se vogliamo una luce intensa?

Nel frattempo possiamo ancora avere un margine di utilizzo delle vecchie lampadine?Fino a quando?

Non tutte le lampadine alogene sono state sottoposte al bando della direttiva Ue. Alcune di queste, infatti, potranno essere ancora prodotte e vendute dai vari distributori sul territorio europeo e, quindi, si potranno ancora trovare sugli scaffali: le lampade Haloline, Halopin, Halolux T con attacco R7s, G9 ed E14 (usate per le lampade da tavolo e i proiettori), ma solo se almeno di classe energetica C (bandite la classe D e la E), così come le GU10 e le GZ10, sigle di attacchi che si riferiscono perlopiù a lampadine utilizzate nei forni e nei frigoriferi, e questo perché non è stato ancora possibile, a livello tecnico, creare degni corrispettivi a Led.

Lascia un commento

Back to top button