News

Lockers per pacchi, per AGCOM sono da incentivare

AGCOM: AVVIATA ISTRUTTORIA PER INCENTIVARE L’UTILIZZO DEGLI ARMADIETTI AUTOMATICI PER LA CONSEGNA E LA RACCOLTA DEI PACCHI

L’emergenza sanitaria, imponendo restrizioni agli spostamenti e alle aperture degli esercizi commerciali non essenziali, ha fortemente incentivato il ricorso all’e-commerce, che negli ultimi due mesi ha fatto registrare, soprattutto per alcune categorie di prodotti, un aumento considerevole

di acquisti online. Gradualmente molte attività riapriranno, ma resteranno valide le regole di distanziamento fisico, necessario per limitare il rischio di nuovi contagi: è immaginabile dunque che gli operatori di consegna dei pacchi continueranno a gestire significativi volumi nel rispetto delle

misure di prevenzione. Per questo l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha avviato un’istruttoria per definire misure che possano incentivare l’utilizzo di armadietti automatici (lockers) per la consegna e la raccolta dei pacchi.

Rispetto alle modalità ordinarie, la consegna mediante lockers appare infatti essere la più adatta ad uno scenario di distanziamento fisico prolungato nel tempo in quanto azzera le occasioni di contatto tra destinatario e operatore. La maggiore flessibilità della consegna attraverso gli armadietti

automatici potrebbe inoltre adattarsi meglio ai ritmi di vita dei consumatori, evitando i casi di mancato recapito e risultare anche più efficiente sotto il profilo della tutela dell’ambiente, in quanto la concentrazione delle consegne in un unico punto di ritiro contribuirebbe a decongestionare in parte il traffico cittadino con la conseguente riduzione dei livelli di inquinamento.

Lo scopo del procedimento avviato da Agcom è quello di individuare misure regolamentari per favorire la diffusione e incentivare l’utilizzo dei lockers e di formulare eventuali proposte e segnalazioni agli altri soggetti interessati sia pubblici che privati.

Ti potrebbe interessare

Back to top button