News

Tassa d’ingresso a Venezia, il no di Federconsumatori

Apprendiamo con non poco stupore delle delibere predisposte dal Comune di Venezia per introdurre una tassa di ingresso alla città. Il Sindaco Brugnaro assicura che “non ci saranno chiusure” e che “la città resterà aperta e vivibile” ma è piuttosto difficile crederci, poiché l’obbligo di pagamento impedirà, di fatto, il libero accesso al capoluogo veneto. Parliamo di cifre non proprio trascurabili (tre euro nelle fasi di minore afflusso, sei euro nei giorni ordinari, otto euro nei momenti più affollati e addirittura dieci nei periodi in cui in città arriva il maggior numero di visitatori) che tra l’altro vanno ad aggiungersi, almeno per chi pernotta, alla già vigente tassa di soggiorno. Una prospettiva che fa pensare ad un celebre ed esilarante film in cui Benigni e Troisi, al passaggio di un confine, sono alle prese con un’irreprensibile guardia che si ostina a chiedere un fiorino per ogni minimo movimento alla dogana. Questa però è la realtà e di comico c’è ben poco.

L’amministrazione comunale ha annunciato che le entrate verranno investite in servizi per i cittadini. Nonostante ciò, il provvedimento appare assolutamente iniquo e con ogni probabilità si rivelerà anche antieconomico nonché controproducente per l’intero settore turistico lagunare. È vero che l’imponente afflusso turistico può avere ripercussioni negative su una città fragile come Venezia ed è indubbiamente necessario mettere in atto controlli serrati per evitare che il suo inestimabile patrimonio venga messo a rischio ma è comunque possibile individuare altre soluzioni per tutelarne l’integrità nonché per coprirne i costi di gestione. Non è certo imponendo un pagamento che si può riuscire ad ottenere che i visitatori adottino condotte rispettose, poiché il denaro non garantisce né misura la civiltà di un turista: questa misura, seppure mascherata da investimento per i cittadini, è solo che strumento per “fare cassa” sui grandi numeri. Visitare liberamente la città è un diritto ed è inaccettabile porre vincoli economici all’arrivo dei turisti.

Lascia un commento

Back to top button