Comunicati StampaInnovazione e tecnologia

Come tracciare le filiere con la blockchain

Foodchain Spa e Circular Now approfondiranno il tema sempre più attuale della tracciabilità di filiera in una serie di Webinar gratuiti

La contraffazione alimentare, l’utilizzo di materie prime di scarsa qualità o di origine non certa e tanti altri scandali che finiscono sulle prime pagine dei quotidiani sono spesso causa di sfiducia da parte dei consumatori che non credono più alle parole che le aziende utilizzano per pubblicizzare i loro prodotti.

I consumatori di oggi sono più attenti alla sostenibilità e alla circolarità di ciò che acquistano e per questo desiderano maggiore trasparenza, per avere la certezza che i prodotti rispettino davvero quanto dichiarato.

Le aziende sono in grado di venire incontro a questa pressante domanda?
Poter dimostrare oggi che i propri claim non siano soltanto parole ma anche fatti è un fattore imprescindibile per le aziende di qualsiasi settore. Il punto è: come farlo?

La tecnologia viene incontro alle necessità di produttori e consumatori permettendo di raccontare la vera storia di un prodotto, dal campo alla tavola, e consegnarla direttamente nelle mani del consumatore. Con l’impossibilità di manomettere i dati immessi in blockchain si vanifica il rischio di frode e di contraffazione. Così le aziende scelgono la blockchain che promuove uno storytelling verificabile, trasparente e capace di stringere un rapporto di fiducia con i propri consumatori.

 

Una Webinar Serie per mostrare le best practice

Per parlare di questo argomento, Foodchain Spa e Circular Now hanno recentemente annunciato una nuova Webinar Serie che andrà in onda su YouTube per cinque settimane dal 3 Giugno 2021 ogni giovedì sera alle 18:30.

Le dirette si svolgeranno sul canale di YouTube di Circular Now a partire da Giovedì 3 Giugno alle 18:30 per cinque giovedì consecutivi: https://www.youtube.com/channel/UC4IiSMOiL1p3fYjLVPfFZSw

La tracciabilità alimentare

Il primo appuntamento vedrà la partecipazione di Davide Costa, co-founder di Foodchain Spa, che presenterà la piattaforma Foodchain e introdurrà alcuni tra i diversi progetti attivi e in via di sviluppo per la tracciabilità alimentare mediante l’uso di questa tecnologia sulla blockchain Quadrans Foundation.

Si alterneranno durante gli altri appuntamenti di Circular Now invitati d’eccezione tra gli utilizzatori della piattaforma Foodchain: l’agronomo e Presidente del Distretto Agrumi di Sicilia Federica Argentati; la Responsabile Marketing e Comunicazione dell’azienda del Salento Pralina Srl Valentina Avantaggiato; il CEO di TopDigitex Matteo Torri, partner di Foodchain Spa per il progetto TRAME vincitore del bando FashionTech di Regione . Non mancheranno special guest che verranno annunciati nel corso delle prossime settimane.

Il Made in Italy «taroccato» all’estero e nel nostro Paese

La contraffazione del Made in Italy oggi rappresenta un business globale da 32 miliardi di Euro, pari al 3,6% delle del settore manifatturiero tra nazionale e di esportazione. In cima alla lista dei settori più contraffatti ci sono abbigliamento, elettronica, giocattoli e alimenti ma recentemente anche i .

Oltre al danno anche la beffa per l’economia nazionale. Il fenomeno dell’ItalianSounding rischia, nel tempo, di recare un grave danno alla reputazione e all’immagine del Made in Italy percepita nel mondo. Prodotti che utilizzano simboli dell’Italia come bandiere, colori o anche gli stessi nomi che ricordano cibi del nostro Paese vengono venduti come italiani ma che in realtà non lo sono. I consumatori stranieri, inconsapevolmente, associano questi prodotti scadenti al «vero» Made in Italy, che in realtà è vittima di un sistema non tutelato.

Ma anche il nostro Paese spesso deve scontrarsi con scandali e frodi che hanno un impatto su tutta l’industria, alterando il comportamento dei consumatori nei confronti di tutti i marchi: la recente scoperta dei pomodori Petti di provenienza straniera, che però venivano utilizzati per realizzare passate 100% italiane, porta ad aumentare la crescente sfiducia nei prodotti che si fregiano di marchi di qualità e di origine non sempre dimostrabili.

È tempo che l’industria si affidi a metodi innovativi per comunicare i propri principi di integrità al consumatore in modo trasparente grazie a una tecnologia, la blockchain, che se usata correttamente oggi può offrire un ruolo determinante.

 

Cos’è Foodchain?

Foodchain Spa è una società fondata nel 2016 da Marco Vitale, Davide Costa e Fabio Fiori. È stata tra le prime aziende ad accostare la tecnologia blockchain al settore agroalimentare ed è oggi leader nella progettazione e implementazione di soluzioni IT basate sulla tecnologia blockchain. La competenza nell’ambito blockchain è stata riconosciuta dal Ministero dello Sviluppo Economico che ha selezionato Marco Vitale, CEO della società, tra i 30 Blockchain Expert che hanno lavorato allo sviluppo della Strategia nazionale per Blockchain e registri distribuiti.

La Piattaforma Foodchain, l’applicazione decentralizzata creata da Foodchain Spa, è nata in ambito «food» ma si applica per la tracciabilità di qualsiasi filiera, dal tessile allo smaltimento rifiuti.

Le aziende che puntano sulla trasparenza e sull’eccellenza dei propri prodotti scelgono di affidarsi alla tecnologia Foodchain per mettere in chiaro e consegnare pubblicamente tutte le fasi e le informazioni della propria filiera. Tra questi Torrefazione Caffè San Domenico, il Mastro Gelatiere Alberto Marchetti, Pralina Srl e Riseria Masinari, ma anche
il Distretto Produttivo Agrumi di Sicilia e le aziende associate.

 

Cos’è Circular Now?

Circular Now è un gruppo indipendente che si rivolge alle nuove generazioni e a chiunque voglia approfondire i temi che riguardano la sostenibilità ambientale e l’economia circolare, propulsori della quarta rivoluzione industriale.

Copre 4 macro-aree di approfondimento:

  • e dati – Promozione e diffusione di dati e statistiche, seguendo il principio dell’imparzialità e della  completezza, raccolti e pubblicati da enti pubblici, istituti, associazioni ecc.
  • Agrifood – Analisi della filiera agroalimentare a 360° e innovazioni di settore: case history, notizie e approfondimenti.
  • Pharma – Valutazione e valorizzazione degli scarti organici, analizzando i possibili impieghi dei principi attivi derivanti dagli stessi a scopo salutistico e cosmeceutico.
  • – Approfondimento degli aspetti più innovativi e tecnologici legati alla sostenibilità ambientale e descrizione analitica dell’interazione di tutte le classi di materiali con l’ambiente.

L’attività viene svolta intrecciando competenze specifiche in grado di supportare la divulgazione di informazioni, dinamiche e manovre sociali-politiche-economiche, valorizzando esperienze e decisioni innovative di tutti quegli attori coinvolti nel raggiungimento della sostenibilità e nella circolarità.

 

 

Ti potrebbe interessare

Back to top button