Comunicati Stampa

Bonus Terme: al via le prenotazioni, ma consumatori protestano

Molte strutture hanno già raccolto le richieste dei clienti e chiuso le prenotazioni, sconosciuti i criteri con cui verranno assegnati i bonus agli utenti. Rischio rincaro tariffe

Bonus Terme: contrarietà dei consumatori

A poche ore dalla partenza ufficiale del Bonus Terme, le cui prenotazioni sono scattate ufficialmente l’8 novembre alle ore 12, sul nuovo incentivo si registra la netta contrarietà delle associazioni dei consumatori.  Lo afferma No Profit, da subito scesa in campo per denunciare le anomalie legate al bonus varato dal Governo.

Alcune strutture termali hanno abbiano già raccolto nei giorni scorsi le richieste dei cittadini interessati ad accedere all’incentivo, chiudendo le prenotazioni

Numerosi cittadini segnalano come alcune strutture termali abbiano già raccolto nei giorni scorsi le richieste dei cittadini interessati ad accedere all’incentivo, chiudendo le prenotazioni, nonostante la partenza del Bonus prevista per domani – spiega Consumerismo – Non è tuttavia chiaro come gli stabilimenti termali gestiranno le domande dei cittadini, sulla base di quali criteri inoltreranno le prenotazioni e chi vigilerà sul rispetto dei diritti degli utenti e per evitare abusi.

Rischio

A tale situazione si aggiunge il rischio rincari, con molti operatori che potrebbero aumentare le tariffe dei propri servizi approfittando dei soldi messi a disposizione dal Governo, o condizionare l’utilizzo del bonus all’accettazione di costosi pacchetti – aggiunge Consumerismo.

Senza limiti legati all’Isee e senza prevedere criteri equi il bonus terme potrà essere utilizzato solo da pochi fortunati

“Un bonus partito malissimo quello relativo alle terme, che sta generando il caos tra gli utenti e che rischia di determinare pesanti discriminazione a danno dei cittadini – afferma il presidente Luigi Gabriele – Senza limiti legati all’Isee e senza prevedere criteri equi il bonus terme potrà essere utilizzato solo da pochi fortunati, scelti non si sa come e con il paradosso che i più benestanti potranno sottrarre l’incentivo a chi non può permettersi i servizi termali e avrebbe realmente bisogno di un sussidio”.

Ti potrebbe interessare

Back to top button