Comunicati Stampa

Vacanze, indagine Consumerismo No profit

Caro-benzina stangata da 500 milioni di euro per chi questa estate si sposterà in auto. Solo per spostamenti estivi maggiore spesa da +60 euro a famiglia

Caro benzina: l’indagine di Consumerismo

Il caro-benzina peserà come un macigno sulle vacanze estive degli italiani, determinando una stangata solo per i di rifornimento pari a complessivi 500 milioni di euro a carico delle famiglie che si sposteranno in automobile. Lo rivela Consumerismo No profit, associazione dei consumatori che ha realizzato una indagine per capire come l’impennata dei listini dei carburanti inciderà sulle vacanze e sulle tasche dei cittadini.

Nel periodo estivo si muoveranno16,5 milioni di cittadini

“16,5 milioni saranno i cittadini che nel periodo estivo si muoveranno lungo strade e per raggiungere le località di villeggiatura e per visitare mare, laghi, montagne, città d’arte, e la tante bellezze del territorio – spiega il presidente – Spostamenti che richiedono continui rifornimenti di carburante, sia per i viaggi in autostrada, sia per i movimenti all’interno dei luoghi di villeggiatura, e che incideranno in modo pesante sulle tasche dei consumatori. Oggi infatti un litro di benzina costa il 17,8% in più rispetto allo scorso anno, con un aggravio di spesa di +12,5 euro a pieno, mentre per il gasolio si spendono 11 euro in più (+17%)”.

Solo per spostamenti estivi maggiore spesa da +60 euro a famiglia

I rincari dei listini alla pompa che si sono susseguiti negli ultimi mesi determineranno, in base alle stime di Consumerismo No profit, una maggiore spesa per i rifornimenti di carburante pari a circa +60 euro ad automobile, con una stangata complessiva di circa 500 milioni di euro a carico degli italiani che nel periodo estivo sceglieranno l’auto per i propri spostamenti.
“A tali effetti diretti vanno aggiunte poi le ripercussioni indirette del caro-benzina, a partire dal rincaro dei al dettaglio di una moltitudine di prodotti, che renderanno più “salate” le vacanze estive degli italiani” – conclude Luigi Gabriele.

Ti potrebbe interessare

Back to top button